Home Archivio OlimpoPress Cronoscalata Alpe del Nevegal, problemi elettronici per Luciano Gallina

Cronoscalata Alpe del Nevegal, problemi elettronici per Luciano Gallina

10

Correre senza avversari toglie ogni stimolo, questo è risaputo, ma se poi, ad una vittoria di classe già acquisita sulla carta, si aggiunge la dea bendata a complicare il weekend ecco che la recente partecipazione di Luciano Gallina alla Cronoscalata Alpe del Nevegal, corsa tra Sabato e Domenica, vuole essere dimenticata in tutta fretta.

Il pilota di Montebelluna si presentava ai nastri di partenza dell’appuntamento valevole per il Campionato Italiano Velocità Montagna, per il Trofeo Italiano Velocità Montagna e per numerose serie annesse con l’intento di sfruttare un’importante occasione servitagli dal compagno di colori, in casa Xmotors Team, ovvero Andrea Scopel, assente nel bellunese.

I due, piena lotta per la vetta della millequattro in gruppo E2SH nel TIVM, non hanno potuto dare vita ad un altro bello scontro in famiglia, causa assenza del pilota di Cavaso del Tomba, e con la strada spianata tutto sembrava facile per un Gallina che ha invece faticato parecchio.

L’unica punta della scuderia di Maser prendeva le misure, nelle due salite di prova, ad un tracciato che non calcava dalla stagione 2019, a bordo della consueta Lancia Y10 Proto motorizzata Suzuki Hayabusa, archiviando un Sabato al settimo posto in gruppo E2SH.

“Era da alcuni anni che non correvo sul Nevegal” – racconta Gallina – “e, nonostante la possa considerare quasi una gara di casa mia, ho avuto bisogno di un po’ di tempo per riprendere confidenza con questo percorso. Tutto sommato le due salite di prova sono andate bene.”

Con la vittoria in E2SH1400 già in tasca Gallina partiva agguerrito alla Domenica mattina ma, in gara 1, un problema di natura elettronica lo penalizzava, già dalla partenza, costringendolo a finire nelle retrovie del gruppo e con un pesante distacco nei confronti della concorrenza.

“In gara 1” – sottolinea Gallina – “ho iniziato ad avere problemi di elettronica subito dopo lo start. Poi, verso la metà del percorso, la situazione è leggermente migliorata ma ormai avevo pagato troppo, in termini di tempo. Peccato perchè la giornata delle prove è stata positiva.”

Giocandosi il tutto per tutto nella seconda tornata il portabandiera della compagine trevigiana segnava intermedi interessanti prima di essere beffato, all’ultimo chilometro, dalle stesse noie.

“Gara 2 era partita decisamente meglio” – aggiunge Gallina – “e stavo ottenendo un buon tempo ma, all’ultimo chilometro, si sono ripresentati gli stessi problemi di elettronica. È stato un peccato perchè mi sarebbe piaciuto poter ottenere un buon risultato all’Alpe del Nevegal.”

Un settimo posto nella generale di gruppo E2SH che, unito alla vittoria in solitaria tra le millequattro, permetteranno a Gallina di rosicchiare punti preziosi al compagno di colori Scopel, in attesa di tornare a riaccendere la miccia di una bella lotta in famiglia, nel TIVM di zona nord.