Quattro rigori, 4 espulsioni, 26 reti. È questo il bilancio numerico del secondo turno della Clericus Cup, il Mondiale della Chiesa promosso dal Csi. Sotto il Cupolone prime condanne e qualche lode. È già Pasqua per il Collegio Spagnolo e per il San Guanella e amici, a punteggio pieno nel girone D e qualificate dopo le vittorie di domenica scorsa, entrambe per 2–1. Eliminati invece i collegi “nazionali” del Messico, del Portogallo del Brasile, della Francia e del Belgio. Equilibrio assoluto nell’altro girone sacerdotale, quello B, con 4 squadre (Pio Latino, Gregoriana, Altomonte, San Paolo) a tre punti. Sorprendente la vittoria per 2–1 dell’Altomonte sulla Gregoriana. Vincono invece 3–1 i vicecampioni del Collegio Urbano. “Very very Nice” i campioni Usa dei Martyrs, che con 2 reti nella ripresa di Nyce ribaltano il risultato contro il Mater Ecclesiae.

Nel girone dei seminaristi punti decisivi per le due mariane. Il Sedes Sapientiae nella ripresa dilaga 5–1 sul collegio Franco Belga. Va avanti il cammino neocatecumenale calcistico. Il Redemptoris Mater, infatti, nella sfida tra seminari della diocesi romana, “crocifigge” il Romano Vaticano con un netto 3–0, arrivato nel finale di gara, a seguito della la superiorità numerica in campo. Ora sosta pasquale. Prossimo turno nel primo week end di maggio.