Sergio Caprari
Sergio Caprari

Torna la boxe in piazza a Civita Castellana per ricordare Sergio Caprari. Il pugile civitonico che si è spento nel 2015 è stato uno dei grandi interpreti della boxe italiana . Peso piuma, fece una grande carriera di dilettante, ma probabilmente fu ancora più grande tra i professionisti. Alle Olimpiadi di Helsinki nel 1952 conquistò la medaglia d’argento, superato in finale dal cecoslovacco Zachara. Passato professionista arrivò al titolo italiano, contro Nello Barbadoro, proseguì nella scalata verso traguardi ambiziosi fino a conquistare il titolo europeo a San Remo con il belga Sneyers e tento la scalata anche al Mondiale a Manila contro Flash Elorde, ma venne sconfitto.

L’appuntamento è fissato per sabato a partire della diciotto in piazza Matteotti dove sarà allestito il ring. Sono undici i match in programma in cui si confronteranno in incontri di tre riprese ciascuno pugili laziali e umbri. L’ultimo a salire sul ring sarà Francesco Pagani, 21 anni, di Magliano Sabina con sedici match già disputati alle spalle, di cui tredici vinti nella categoria senior kg 64, che è uno degli astri nascenti del pugilato regionale.

L’organizzazione è della Polisportiva Maglianese, che si è avvalsa del patrocinio del Comune di Civita e la collaborazione della Pro Loco e che con i maestri e dirigenti, Plinio Morresi (responsabile organizzativo), Palmiro Farina originario di Civita Castellana, Romeo Ciambotti ( diesse), Giovanni Pagani, Pietro Ciambotti, Giordano Bruno Vivadio e David Schucchia hanno confezionato un tabellone d’incontri molto interessanti. A bordo ring anche rappresentanti della Fip regionale.