Civ 2016
Civ 2016

È scattato ufficialmente il CIV 2016, con le prime pole provvisorie dall’Autodromo Piero Taruffi di Vallelunga, che ospiterà nel weekend i 280 piloti della nuova stagione del Campionato Italiano Velocità. Un paddock pieno in ogni ordine di posto ha riservato soprese a partire dalla SBK, con il miglior tempo fatto registrare da Raffaele De Rosa in condizioni di pista asciutta. Il pilota dell’Althea Bmw Racing Team, wild card a Vallelunga e attuale capoclassifica a pari punti con Mercado nel mondiale STK1000, ha fermato il crono sull’1’36.734. Dietro di lui, a poco più di un decimo di distanza, c’è la Ducati del Team Motocorsa gommata Pirelli di Matteo Baiocco, mentre il terzo tempo provvisorio appartiene all’Aprilia Nuova M2 Racing di Kevin Calia con pneumatici Michelin. Solo 4° tempo provvisorio per il Campione in carica: Michele Pirro (Barni Racing Team, Ducati), mentre buon 5° crono per la Yamaha di Fabio Massei.

In Moto3 è partita la caccia al titolo di Marco Bezzecchi. I pretendenti non mancano e a giudicare dalle prime qualifiche la lotta sarà agguerrita. Il venerdì di Vallelunga ci ha consegnato 7 piloti racchiusi in 4 decimi, con la pole provvisoria conquistata da Nicolas Spinelli con il tempo di 1’45.620. Il pilota dell’MF84 Pluston Althea di Michel Fabrizio ha preceduto un esordiente della categoria: Kevin Zannoni. Il numero 111, parte del progetto San Carlo Talenti Azzurri, è lontano circa un decimo dalla vetta con la sua Mahindra preparata dal Team Minimoto Portomaggiore. Vicinissimo a lui c’è anche Mattia Casadei del SIC58 Squadra Corse (KTM), con il 4° posto provvisorio in griglia per il talento #madeinCIV Edoardo Sintoni su TM. Sfortuna per Stefano Nepa, che non è riuscito a girare nella prima sessione di qualifica a causa di un guasto tecnico alla sua Mahindra.

Supersport più equilibrata che mai, con ben 12 piloti racchiusi in meno di un secondo, e una pole provvisoria fatta registrare da Alessandro Nocco con la Kawasaki del Team Velocisti. A soli 21 millesimi dal salentino c’è un’altra Kawasaki, quella del Team Renzi Corse di Gennaro Sabatino, con la Yamaha di Matteo Ciprietti al terzo posto.

Primi equilibri che si definiscono nella Premoto3, a cominciare dalla 125 2T, dove Gabriele Giannini ha strappato la pole per soli 53 millesimi alla RMU di Raffaele Fusco. Sorpresa nella 250 4T, con il miglior tempo del venerdì fatto segnare da Matteo Bertè, del Team 2WheelsPolito, il team del Politecnico di Torino che ha realizzato una moto sperimentale.

Prima pole position per la SP4t che va a Paolo Grassia (Kawasaki), che ha distanziato di quasi 4 decimi Luigi Montella (Yamaha), con Lorenzo Segoni (Honda) al 3° posto. Il tutto per una classe che, visto l’alto numero di piloti al via, prevede una formula di gara con due turni di prove ufficiali al venerdì, con i primi 21 classificati che accedono direttamente alle due gare in programma. I restanti piloti si daranno battaglia nella finale di domani: i classificati dal 1° al 21° posto in questa corsa andranno a completare, dalla 22° alla 42° casella, lo schieramento di partenza delle due gare in programma valevoli per l’assegnazione del punteggio di campionato. Prime qualifiche anche per i due trofei di contorno al CIV, la Yamaha R1 Cup e il National Trophy