È cominciata in queste ore l’avventura montana dell’11° Giro d’Italia Ciclocross, che per la sua terza tappa farà visita, questa domenica, alla ridente cittadina di Cantoira, gioiellino dell’Alta Valle di Lanzo incastonata nelle Alpi Occidentali della provincia di Torino. In casa di una delle più antiche società ciclistiche d’Italia, il GS G. Brunero 1906, sta prendendo forma il percorso più in quota di questo Giro d’Italia Ciclocross (si scollina a quota 800 m slm) con la collaborazione e la supervisione dell’ASD Romano Scotti.

Sotto l’egida della Federazione Ciclistica Italiana sta dunque per cominciare un intenso e decisivo “Trittico del Nord” che vedrà susseguirsi, in 8 giorni, gli appuntamenti di Cantoira, Jesolo (internazionale) e Buja-Osoppo. In una stretta valle, circondata da alte vette, Cantoira si appresta ad ospitare la carovana rosa e sarà anche l’appuntamento di apertura del circuito regionale “Piemonte Ciclocross”.
«É con grande piacere che il comune di Cantoira di prepara ad ospitare la terza tappa del Giro d’Italia Ciclocross 2019-2020 – commenta il sindaco della cittadina, Franca Vivenza – è un evento sportivo di grande rilievo che ben si inserisce nel nostro progetto di promozione turistica e di valorizzazione e rilancio del territorio. Porgo un caloroso benvenuto a tutti gli atleti, ai dirigenti, ai tecnici e a tutto il pubblico che auspico molto numeroso, per vivere insieme due giorni di sport appassionante in un suggestivo contesto montano, ricco di storia e di tradizione. Un sentito ringraziamento agli organizzatori e a tutti coloro che stanno lavorando con impegno e passione per la riuscita di questo appuntamento – conclude la prima cittadina – affinché possa essere un momento di festa per tutti».

In attività da oltre 100 anni, ha gestito per anni squadre dilettantistiche di livello nazionale, annoverando atleti come Nardello, Garzelli, Sgambelluri e altri passati al professionismo. Parallelamente ha organizzato e tutt’ora organizza importanti gare Elite-Under23 (G.P. Artigiani di Grosso dal 1956 al 2010, Ciriè-Pian della Mussa che quest’anno è giunta alla 53^ edizione), oltre ad altre gare di categorie minori.
Nel 2015 ha ospitato l’arrivo del Giro del Piemonte per professionisti. Da tre anni cura l’organizzazione della tappa di Cantoira del Trofeo Piemonte di ciclocross.

«Quando i treni passano, in un modo o nell’altro, dobbiamo salire a bordo: l’opportunità di cimentarci in questa nuova ed entusiasmante sfida è una condizione irripetibile – commentano gli amici del GS G. Brunero 1906, che al fianco dell’ASD Romano Scotti stanno concretizzando un impegno che getta le sue radici tanti mesi addietro – Abbiamo accettato questa proposta perché nuova, inedita ed entusiasmante, incuriositi ed allettati dalla possibilità di mettere alla prova le nostre capacità organizzative, grazie al supporto importante e decisivo dell’ ASD Romano Scotti, un’autorità assoluta ed indiscutibile, una vera garanzia di successo all’interno di questo settore». E con questi presupposti il Giro d’Italia Ciclocross non può che apprestarsi a vivere un’altra, intensa, due giorni di festa.