Nonostante tutto, nonostante la grande pressione e il carico di responsabilità. La festa è riuscita, il Giro d’Italia Ciclocross ha affrontato l’appuntamento di Ladispoli senza lasciare nulla al caso, sia sotto l’aspetto sportivo, come di consueto, ma anche e soprattutto sotto quello della gestione del complesso protocollo anti contagio (autocertificazioni, controllo temperatura, ingresso consentito solo attraverso varchi per gli accreditati). I tempi, si sa, sono quelli che corrono, e le priorità adesso sono focalizzate sul controllo e sulla prevenzione. Una bella sfida per il Team Bike Terenzi e l’Asd Romano Scotti, che può dirsi riuscita grazie alle forze e all’organizzazione messa in campo e alla grande collaborazione di tutti i presenti, il vero valore aggiunto che merita una maglia rosa ad honorem. La gara era valida anche come tappa del Lazio Cross, Trofeo Romano Scotti Gruppo Forte.
Dal punto di vista agonistico tanti i valori tecnici emersi dal percorso ricavato nel Bosco Quarto di Palo, reso impegnativo e col fondo viscido dopo le abbondanti piogge delle scorse notti. Se ne è reso conto anche il presidente della Federazione Ciclistica Italiana, Renato Di Rocco, che ha onorato il Giro d’Italia Ciclocross della sua presenza: «Una gara con così tante partenze e tanto entusiasmo crea un trasporto emotivo per questi grandi eventi – ha dichiarato mentre le gare erano in corso – Grazie al team della famiglia Scotti abbiamo una solida organizzazione che spinge sempre più in alto il ciclocross italiano. Noi tutti dal canto nostro, cerchiamo di restare in sicurezza e con la massima attenzione al protocollo sanitario».

«Siamo riusciti in una grande impresa – si lascia andare Claudio Terenzi a fine giornata, quando il sole del tramonto lambisce quel che resta del percorso già quasi del tutto smantellato, – non solo sportiva, per un’organizzazione messa in piedi in meno di un mese, ma anche e soprattutto sotto il profilo del rispetto assoluto del protocollo anti-contagio, a quale tutti i presenti si sono attenuti rigidamente, senza necessità di elevare sanzioni. È questo, a caldo, il più grande successo che sento di dover celebrare: la famiglia del Giro d’Italia Ciclocross si è dimostrata matura per affrontare anche le situazioni più difficili. Grazie amici della Romano Scotti per la grande manforte, siete speciali, così come lo sono tutti i miei associati e i tanti volontari che hanno offerto la loro opera in questi giorni. E all’amministrazione comunale un granissimo GRAZIE per la fiducia e l’impegno».

Visibilmente soddisfatto Sergio Scotti, vicepresidente dell’ASD Romano Scotti: «È sempre una grandissima emozione riportare il Giro d’Italia Ciclocross a due passi da casa, in questi giorni siamo stati tra amici e ogni fatica non è pesata pur di vedere il sorriso negli occhi di tutti, visto che le labbra sono coperte dalle mascherine. È fondamentale avere al fianco una società come il Team Bike Terenzi, propositiva e attiva, ma anche un’amministrazione comunale particolarmente attenta come quella di Ladispoli. E un grandissimo grazie a chi ci ha permesso di vivere questo evento in tranquillità, ovvero tutti gli sportivi che hanno seguito alla lettera le norme anti Covid».