Il 4 la presentazione
Il 4 la presentazione

Martedì 4 aprile, ore 11 nella Sala Meeting de La Reggia Designer Outlet (uscita Caserta Sud A1), si terrà la conferenza stampa di presentazione del “Giro della Campania in Rosa”, gara Nazionale a tappe per donne Elite e Open. Interverranno i relatori: Stefano Vaccaro, Center Manager La Reggia Designer Outlet; Mario Valentini, commissario tecnico della nazionale di paraciclismo; Ciro Borriello, Assessore allo Sport del Comune di Napoli; Gianfranco Coppola, USSI Campania. Modera il conduttore televisivo e telecronista sportivo, Erennio De Vita. Alla conferenza saranno presenti anche: Noemi Cognigni, modella e attrice; i rappresentanti di ogni tappa regionale (Paolo Serino, Franco Verrone, Raffaele Salzillo, Angelo Letizia, Vincenzo Di Nuzzo); i sindaci e gli amministratori dei comuni interessati dalle tappe; sponsor e media partner.

Il “Giro della Campania in Rosa” nasce da un’idea della Biesse Promotion, associazione sportiva dilettantistica affiliata alla FCI ed iscritta al Coni con sede ad Arzano, Napoli. L’evento giunto alla 3° edizione avrà luogo dal 5 al 7 maggio con prologo tecnico a San Giorgio del Sannio (BN) il 4 maggio e vede in corsa le donne del palmares nazionale del ciclismo professionistico, abbinate anche alle juniores. Il “Giro della Campania in Rosa” è un evento open, che permette alle atlete di categoria inferiore di partecipare e farsi conoscere dal pubblico e da esperti sportivi. Vi saranno quattro maglie dedicate alle cicliste di età compresa tra i diciotto e i ventisette anni: la classifica élite, quella giovani, del gran premio della montagna e quella del traguardo volante, ossia sprint intermedi inseriti durante le tappe. Infine, le cicliste saranno omaggiate dei premi federali. Presenti anche le squadre estere, quella francese, bulgara e del nord Europa.

“L’idea è nata circa tredici anni fa e con tanti sacrifici sono riuscito a mettere in moto la macchina organizzativa. – dichiara entusiasta, Salvatore Belardo, patron del Giro della Campania in Rosa – Mio padre era un vecchio meccanico di ciclismo e questa passione mi è stata trasmessa proprio da lui. Si tratta di uno sport completo che aiuta l’attività motoria della persona”.