Champions league
Champions league

Sconfitta amara per la Juventus a Londra, finisce 4 a 0 per il Chelsea. Hanno segnato Chalobah nel primo tempo e poi James e Hudson-Odoi nel giro di un paio di minuti nella ripresa: colpo di grazia infine di Werner nel recupero. Prestazione da dimenticare per la squadra bianconera, nelle cui fila si salvano solo Locatelli e McKennie. Morata nel primo tempo ha sfiorato il pari ma poi ha fatto poco. Con questo successo i Blues raggiungono i bianconeri, alla prima sconfitta del torneo, in testa alla classifica del Gruppo H, e li sorpassano in virtù degli scontri diretti (all’andata fu 1-0 per la Juve). Ultima giornata per i piemontesi in casa col Malmoe e per i campioni d’Europa a San Pietroburgo con lo Zenit. L’undici di Allegri in ogni caso è aritmeticamente qualificato agli ottavi. Non così invece per l’Atalanta che pur pareggiando 3 a 3 a Berna con lo Young Boys in un rocambolesco match, è per il momento fuori dalla Coppa, terza nel Gruppo F dietro a Manchester United e Villareal. Contro gli spagnoli l’8 dicembre per la squadra orobica, una difficile partita. Avanti dopo 10’ grazie a un gran gol di Zapata la squadra nerazzurra si fa riprendere da Siebatcheu. Palomino ritrova il vantaggio per i nerazzurri bergamaschi ma Sierro riporta il risultato in parità ed Hefti regala il temporaneo vantaggio agli svizzeri, annullato nel finale di partita da Muriel, appena entrato, che mette dentro una punizione dal limite infilando la porta all’angolo basso di Faivre. Stasera, i 90 minuti che possono decidere il destino delle due milanesi in Champions League. A Madrid il Milan (ore 21) ha come obiettivo battere l’Atletico e sperare in buone notizie da Liverpool. Impegno più agevole invece per l’Inter a San Siro (ore 18.45) con lo Shakhtar Donetsk.