Serata di festeggiamenti, in casa “Edil Cop”, per i primi trentacinque anni di storia. Nato nell’ottobre del 1987, il sodalizio guidato da Mauro Mazzarini e Natalino Rinaldi rappresenta un vanto per il territorio e un fiore all’occhiello per Cerveteri. Frasi sottolineate, fra gli altri, anche dal sindaco ceretano e dal suo predecessore, Elena Gubetti e Alessio Pascucci, che hanno presenziato l’evento, vissuto da Zì Maria, nella zona “Sasso”.
Nel corso della serata si sono alternati al microfono volti del passato e del presente, dal primo direttore di banca con cui l’azienda ebbe a che fare, Piero Brini, fino all’omologo attuale Elena Mariotti, per passare poi ad Angelo Alfani, all’Architetto Antonio Piccioni e Mauro Mercuri, quest’ultimo premiato con una targa per la fedeltà e gli anni trascorsi in casa Edil Cop.
Momento di commozione e applausi per l’amarcord di Vito Sese, dottore commercialista e figura imprescindibile che ha camminato al fianco dell’azienda fin quando, qualche mese fa, non è passato a miglior vita.
Targhe celebrative anche per Natalina Spadoni, Responsabile Amministrativa storica del gruppo, e per i due ex machina dell’azienda – che hanno voluto sottolineare l’importanza delle maestranze, e soprattutto ringraziare tutti quanti hanno contribuito al raggiungimento di questo traguardo.

Articolo precedenteIndoor rowing, record italiano per il quattordicenne Riccardo Manini
Prossimo articoloBasket in carrozzina, torna in campo la serie A