Italia pimpante nella prima giornata di gare del Memorial “Paolo d’Aloja”, regata internazionale giunta all’edizione numero 32. Passaggio del turno per tutti gli azzurri protagonisti nell’ottobre scorso del trionfale Mondiale Assoluto di Sarasota. Nelle qualifiche odierne in evidenza soprattutto i Pesi Leggeri. Passano il turno vincendo le rispettive batterie nel singolo femminile la campionessa mondiale di categoria del quattro di coppia Asja Maregotto e la vicecampionessa mondiale Under 23 della specialità Clara Guerra, mentre tra i maschi va in finale con il primo posto il doppio vicecampione del Mondo di Pietro Willy Ruta e Stefano Oppo. Nelle batterie Senior primo e secondo posto nel due senza femminile per l’Italia grazie all’equipaggio di Giorgia Pelacchi e Aisha Rocek e a quello di Veronica Calabrese e Ilaria Broggini, mentre nella qualifica del quadruplo maschile vincono Andrea Micheletti, Catello Amarante, Martino Goretti e Matteo Mulas.

Nel doppio maschile passaggio del turno con vittoria per Romano Battisti e Giacomo Gentili, mentre vanno in finale ma col terzo posto, alle spalle della quotata Lituania del vicecampione olimpico Saulius Ritter e del campione mondiale in quattro di coppia Dovydas Nemeravicius e del Belgio, i bronzi iridati della specialità Filippo Mondelli e Luca Rambaldi. Finale con il primo posto nel singolo maschile per Simone Martini. Nel quattro senza maschile finale con la seconda piazza dietro al Sudafrica per i vicecampioni mondiali Domenico Montrone, Matteo Castaldo, Giovanni Abagnale e Marco Di Costanzo, mentre l’ammiraglia azzurra bronzo iridato di Cesare Gabbia, Emanuele Liuzzi, Luca Parlato, Paolo Perino, Bruno Rosetti, Mario Paonessa, Davide Mumolo, Leonardo Pietra Caprina ed Enrico D’Aniello al timone, in finale diretta, nell’exhibition race si piega solo dinanzi alla Romania. Bene anche gli azzurrini dell’Italjunior, che vanno in finale imponendosi in sei batterie. Domani seconda giornata del Memorial “Paolo d’Aloja”: via alle 8.30 con le finali.