Canottaggio11
Canottaggio11

Nella penultima giornata di gare di Coppa del Mondo, il canottaggio italiano va in finale con sette barche olimpiche (6 maschili: due senza, doppio, quattro senza, quattro di coppia senior; doppio, quattro senza pesi leggeri. 1 femminile: doppio pesi leggeri) e vince la medaglia d’oro nel singolo pesi leggeri con Pietro Willy Ruta che, dopo aver vinto poche ora prima la semifinale, ha agguantato il successo in una barca difficile come il singolo: dietro di lui a vincere l’argento la Croazia, mentre la medaglia di bronzo è andata alla Polonia.

Per quanto riguarda, invece, le sette barche olimpiche che disputeranno le finali di domani, oltre al quattro senza senior del campioni del mondo in carica, hanno raggiunto la finalissima che assegnerà le medaglie di Coppa del Mondo il due senza senior di Domenico Montrone e Giovanni Abagnale che, dopo una gara d’attacco, si sono piazzati terzi, rispettivamente, dietro a Nuova Zelanda1, dei campionissimi Murray e Bond, e alla Gran Bretagna1. La finale di domani sarà una prova difficile, ma gli azzurri l’affronteranno con determinazione come hanno fatto in questi giorni. In finale pure il doppio di Romano Battisti e Francesco Fossi che, col terzo posto, hanno afferrato una finale che li vedrà contrapposti a Norvegia, Serbia, Nuova Zelanda, Francia e Gran Bretagna. Per loro sarà un buon banco di prova olimpico anche se mancano all’appello i croati e i lituani rispettivamente campioni e vicecampioni del mondo.

Finale anche per il quattro di coppia dei giovani Capuano, Fiume, Gentili e Rambaldi che hanno voluto vincere a tutti i costi il recupero dopo aver lottato per tutti i duemila metri con gli avversari. A loro bastava un quarto posto, ma hanno vinto con autorevolezza. Sarà una finale difficile e gli azzurri sono tra i sei finalisti. Finale anche nelle specialità pielle col doppio di Micheletti e Miani (il quale non gareggiava in ambito internazionale su questa barca dalla Coppa del Mondo da sei anni) che hanno vinto con testa e cuore una semifinale comunque difficile. In finale il quattro senza pielle di Tuccinardi, Goretti, La Padula e Oppo, protagonista di un recupero veloce e al cardiopalmo che ha permesso a questa formazione di arrivare terza dietro a Francia e Gran Bretagna1.

L’ultima barca azzurra in finale domani è quella del doppio pesi leggeri di Valentina Rodini e Federica Cesarini protagoniste di un bel recupero che le ha viste piazzarsi al secondo posto dietro Polonia. Una finale che queste due ragazze ancora under 23 hanno agguantato con determinazione e coraggio. Domani, quindi, ultima giornata di gare con le finali che inizieranno, per l’Italia, alle 10.48 col due senza maschile; alle 11.03 il doppio pesi leggeri maschile; alle 11.18 il doppio pesi leggeri femminile; alle 11.33 il quattro senza senior; alle 12.03 il quattro di coppia; alle 12.18 il quattro senza pesi leggeri e alle 12.33 il doppio senior maschile.