Potrebbe aggirarsi fra i 60-ì e i 70 milioni di euro la cifra, al momento solo un calcolo ipotetico, della presunta evasione fiscale derivata dai compensi sui contratti di compravendita o rinnovo dei giocatori trattati da Fali Ramadani, procuratore macedone tra i cinque più potenti al mondo indagato, con l’agente sportivo Pietro Chiodi, nell’inchiesta della Procura di Milano su presunte irregolarità nel calciomercato con un sistema di esterovestizione societaria. La somma, secondo l’Ansa, è frutto, allo stato, di una stima basata su un dato: Ramadani gestisce un parco atleti per un valore totale di circa 770 milioni di euro.

Articolo precedenteCalcio, Rocca Priora RDP, Promozione, Ristori: “Mai trovato un ambiente come questo”
Prossimo articoloAtletica, cross, Campaccio, debutto di Battocletti e Faniel