Alessandro Ianzi
Alessandro Ianzi

Ancora una trasferta fatale per il Vicovaro. La squadra arancioverde ha incassato la sua quinta sconfitta esterna stagionale, cedendo per 2-0 sul campo del Settebagni al termine di una partita in cui tutto è girato nel peggiore dei modi come conferma il difensore centrale classe 1988 Alessandro Ianzi.

«Sicuramente non è stata una delle nostre prestazioni più brillanti, ma comunque eravamo riusciti a costruire due nitide palle gol sullo 0-0, occasioni che di solito concretizziamo e che stavolta non abbiamo sfruttato in pieno. Poi prima dell’intervallo è arrivato il gol del vantaggio locale con una possibile carica su un’uscita del nostro portiere Francesco Maiorani e le cose si sono complicate. Nella ripresa abbiamo tentato di costruire qualcosa, ma il Settebagni si è chiuso molto bene e ci ha ostruito tutti gli spazi. Noi siamo stati un po’ troppo nervosi e alcune decisioni arbitrali non ci hanno agevolato: siamo rimasti prima in dieci per l’espulsione di Botti e poi in nove per il “rosso” a Petrucci, poi nel finale è arrivato il calcio di rigore abbastanza dubbio con cui i padroni di casa hanno realizzato il 2-0 definitivo». Una sconfitta non può compromettere il bel cammino del Vicovaro, pronto a ripartire già dal prossimo match esterno sul difficile campo del Passo Corese. «Questa partita e quella successiva col Fiano Romano possono darci tante risposte – riflette Ianzi – La vittoria di quest’ultima squadra sul campo del Cantalice di domenica scorsa non mi ha sorpreso troppo: il Fiano sta bene e i reatini hanno qualche difficoltà d’organico al momento. Il nostro obiettivo era e continua ad essere la conquista di un posto ai play off: siamo ancora terzi e faremo di tutto per rimanerci».

L’ex difensore della Tivoli parla del suo primo anno a Vicovaro. «Mi trovo benissimo qui sia con la società che con l’ambiente: c’è grande passione per questa squadra, ad ogni giocatore si chiede tanto ma veniamo anche coccolati parecchio e sarebbe bello regalare una grande soddisfazione a tutte queste persone. Dal punto di vista tecnico, sono contento dello spazio che mi sono ricavato considerata anche la presenza di altri due difensori importanti come Botti e Figlioli. Penso sia giusto che una società ambiziosa come il Vicovaro possa contare in organico su numerose alternative per non farsi trovare impreparata nel corso della stagione».

Articolo precedenteFootball, un altro giocatore del Blue Team passa ai viola
Prossimo articoloIl Volterra supera il Russell. Marzo e Rascelli: “Volley Scuola-Trofeo Acea una grande esperienza di sport e di vita”