La Promozione maschile del Valmontone 1921 ha aggiunto una freccia al proprio arco. Si tratta di Daniele Colaiori, centrocampista offensivo classe 1993 che l’anno scorso fu capocannoniere della squadra giallorossa e che quest’anno era stato condizionato da qualche problema personale. “Ieri a Velletri è stata la mia prima gara da titolare: il mister mi ha schierato dietro le due punte Fiorini e Lanna, nel mio ruolo ideale, dandomi anche la fascia di capitano e facendomi sentire tutta la sua fiducia. Finora sono stato condizionato da qualche problema di lavoro e dal Covid e quindi ero rimasto un po’ indietro a livello di condizione fisica: vista la grande abbondanza della rosa non ero riuscito ancora a giocare da titolare per la prima volta e direi che come debutto non è andato male”. Colaiori (ritratto nella foto di Roberto Benedetti) ha sbloccato la gara di ieri a Velletri segnando con un preciso tiro dal limite il primo dei tre gol con cui il Valmontone 1921 ha vinto la partita. “Nel primo tempo avevamo costruito qualche occasione prima di andare in vantaggio. Poi nella ripresa le reti di Tajani e Amico ci hanno consegnato un successo meritato al cospetto di una squadra esperta. Sul piano atletico e mentale, però, abbiamo sempre tenuto in mano la sfida”. Colaiori è tra i pochi “reduci” della vecchia rosa: “Il gruppo è cambiato tanto, credo che ora ci sia un maggiore spirito di squadra e una buona sintonia tra vecchi e nuovi arrivati. L’obiettivo, comunque, è dichiarato: vogliamo salire in Eccellenza”. Il Valmontone 1921 è primo assieme all’Atletico Morena dopo cinque turni di campionato: “La classifica non la guardiamo, entriamo in campo per vincere tutte le partite. Le avversarie più pericolose? La Bi.Ti. Marino ha sicuramente un organico importante, poi c’è il Bellegra di mister Sarnino e altre squadre come l’Atletico Morena che dobbiamo conoscere meglio. Domenica ospiteremo l’Atletico Lodigiani terza della classe e dobbiamo allungare la nostra striscia. Ci brucia ancora lo 0-0 rimediato col Rocca Priora RDP, in casa non dobbiamo più perdere punti e finire una partita senza segnare”.

Articolo precedenteDroni, mercato italiano in crescita
Prossimo articoloDegasperi vince l’Iglesias-Sant’Angelo