Quarta vittoria consecutiva in campionato per il Trastevere, che allo Stadium supera di misura il Porto d’Ascoli nella decima giornata del girone F di Serie D. Mazza rilancia Lo Porto titolare sulla corsia di sinistra ma deve far fronte all’emergenza a centrocampo, con Massimo fuori per infortunio e Sannipoli out per squalifica. Corsetti recupera dopo l’infortunio subìto a Castelnuovo Vomano ma si accomoda inizialmente in panchina. Al suo posto Squerzanti, particolarmente vivace in avvio di gara e pericoloso dopo appena tre minuti con un cross sul quale né Monni né Lapenna riescono a controllare bene. Gli ospiti, scesi a Roma senza timori reverenziali, si rendono pericolosi al 9′, quando Verdesi ruba palla a Lo Porto e permette a Rossi di calciare un rigore in movimento sciupato dal compagno. La gara è intensa ed equilibrata e così è dalle palle inattive che nascono i pericoli maggiori: la coppia Crescenzo-Tarantino ne costruisce due tra il 18′ e il 28′, ma in entrambi i casi la mira del centrale difensivo amaranto è difettosa, Napolano risponde direttamente su punizione al 25′ senza spaventare troppo Semprini, decisamente più impegnato al 31′ sul sinistro dello stesso Napolano. L’episodio che spezza in due la partita arriva al 32′ e vede protagonista Lapenna. Il centrocampista arma il destro dal limite e colpisce in pieno la traversa, Crescenzo recupera la palla sulla destra e crossa per lo stesso Lapenna, il cui diagonale mancino dal vertice dell’area piccola si trasforma in un assist per Proia, che con un tocco da rapace d’area sigla l’uno a zero.

La rete toglie qualche certezza ai marchigiani, meno incisivi in attacco ed esposti alle ripartenze trasteverine, come quella orchestrata da Lapenna in chiusura di frazione e finalizzata da Monni con un piatto destro dal limite che sorvola di poco la traversa. La ripresa è ancora più combattuta, Squerzanti chiama subito Testa all’intervento, D’Alessandro si vede annullare il pareggio al 59′, sugli sviluppi di un calcio di punizione, per una posizione di fuorigioco di Napolano, autore della sponda decisiva. Mazza rivitalizza l’attacco con l’inserimento di Corsetti e il trequartista si fa vedere al 62′ con un filtrante per Lapenna, il cui destro termina a lato. La parte finale di gara è all’insegna della sofferenza per i rionali perché il Porto d’Ascoli alza il baricentro e si getta a testa bassa alla ricerca del pari. Ci va vicino Battista al 68′, ma il neo entrato arriva scoordinato sul secondo palo, così come Napolano, che al 70′ trova la pronta risposta di Semprini sul colpo di testa ravvicinato. Nel recupero Bay sfiora il raddoppio da posizione defilata ma l’ultimo brivido lo regala Clerici, il cui tiro di controbalzo dà soltanto l’illusione del pareggio alla squadra di Ciampelli. Il Trastevere incassa i tre punti, risponde alle vittorie di Recanatese e Atletico Terme Fiuggi e resta in vetta alla classifica.