Dopo due pareggi di fila, il Tarquinia Calcio ritrova la vittoria e mantiene il vantaggio di sei punti in vetta alla classifica di Prima categoria: al Bonelli contro l’Atletico Cimina decide un gol di Rosati a metà ripresa. Terza rete di fila per il numero 9 blugranata, dopo le due che avevano portato al pari contro Allumiere e Ronciglione.
La vittoria “di corto muso” descritta dal tabellino arriva al termine di un match che i padroni di casa avrebbero potuto indirizzare già nella prima frazione, terminata 0 a 0 nonostante un predominio concretizzatosi in occasioni ma non in gol: su tutte, il palo di Raffaelli a portiere battuto. Decisivo un guizzo, nella ripresa, di Barcaroli, che trova a rimorchio Rosati bravo a battere Sbarra per il gol da tre punti. Qualche minuto dopo, in seguito a uno scontro in area testa contro testa, lo stesso Barcaroli e il difensore ospite Culotta devono lasciare il campo. Nel finale l’Atletico Cimina prova il forcing ma Paracucchi non corre rischi e i blugranata di mister Blasi possono correre a salutare i tifosi forti della settima vittoria stagionale.
“Era importante vincere dopo i due pareggi – il commento a caldo di Mister Blasi – e, da parte dei ragazzi, la voglia di portare a casa i tre punti si è vista, soprattutto nel secondo tempo. Nel primo avevamo avuto le occasioni, ma al riposo si era comunque 0 a 0: avevamo chiesto ai ragazzi di rientrare in campo in modo più arrembante e devo dire che abbiamo fatto un grande secondo tempo, anche dal punto di vista del gioco”.
“La partita è stata ben giocata da parte del Tarquinia – le parole del mister dell’Atletico Cimina, Pupi – una squadra tecnicamente attrezzata e candidata al titolo, come si è visto oggi sul campo. Noi abbiamo tenuto bene il campo sino al decimo del secondo tempo, nonostante la superiorità nel possesso palla da parte del Tarquinia. Avevamo molte assenze, si sono viste e l’abbiamo un pochino pagata”.

Articolo precedenteA Reggio Emilia i campionati italiani di maratona
Prossimo articoloCalcio, Frascati sbanca Morolo