Cronaca sportiva Lombardia e Nazionale: a seguito della notizia, rilanciata sui principali quotidiani e giornali italiani, secondo cui il Codacons avrebbe presentato una richiesta ufficiale alla Federazione Italiana Giuoco Calcio (F.I.G.C.) di ripetizione dell’incontro di Serie A Milan – Spezia, l’Associazione spiega con una nota i motivi alla base della sua richiesta.

Molti, infatti, hanno commentato la notizia asserendo come la richiesta non fosse accoglibile in quanto l’errore del Direttore di gara, Sig. Serra, sia qualificabile come un mero errore di valutazione e non un errore tecnico, come richiede espressamente il Regolamento.

In una nota il Codacons precisa come:

“Due sono i motivi alla base della nostra richiesta:

1) In primo luogo, molti hanno affermato che l’errore sia frutto di una scelta discrezionale dell’arbitro, il quale avrebbe ritenuto di non concedere il vantaggio al Milan, ma così non è. Il Direttore di gara, infatti, erra in quanto non attende i canonici 3 secondi per valutare se il vantaggio si concretizzi o meno, ma fischia immediatamente il fallo, senza aspettare il prosieguo dell’azione. Se l’arbitro avesse atteso e poi avesse valutato che, a suo parere discrezionale, l’azione non fosse vantaggiosa per il Milan avrebbe sicuramente sbagliato, ma avrebbe sbagliato esercitando il proprio potere discrezionale e come tale non avrebbe potuto essere oggetto di alcun ricorso.

2) In secondo luogo, seppur sia vero, come affermato da molti, che la c.d. “regola del vantaggio” non rientra nelle 17 regole fondamentali del calcio, essa però costituisce un appendice della regola 5 che la indica come “dovere dell’arbitro”. Tanto che viene spiegato come l’arbitro abbia 3 secondi, dopo aver assegnato il vantaggio, per valutare se la decisione ha dato un effettivo vantaggio o no. In questo caso, come detto anche sopra, l’arbitro non ha scelto discrezionalmente di non dare vantaggio (cosa che sarebbe criticabile ma non frutto di un errore tecnico) ma ha proprio commesso un errore, sicuramente in buona fede, ma tecnico, fischiando immediatamente.

La circostanza è confermata anche dall’atteggiamento durante e post partita del direttore di gara, che, consapevole di aver sbagliato e non di aver fatto una scelta discrezionale, ha immediatamente chiesto scusa ai giocatori del Milan, scuse poi ribadite anche negli spogliatoi e reiterate anche dall’AIA (Associazione Italiana Arbitri).

Lo sbaglio si è concretizzato, quindi, in un vero e proprio errore tecnico, analogamente all’arbitro che consente un cambio in più rispetto al Regolamento, o che convalida un gol in fuorigioco che aver sbagliato ad applicare la regola prevista dal Regolamento stesso, e pertanto, da diritto alla richiesta di ripetizione della partita.

Va, in ogni caso, considerato, che, da questa decisione vengono danneggiati i consumatori: tifosi del Milan; tifosi delle squadre avversarie dello Spezia coinvolte nella lotta salvezza; scommettitori e anche l’intero campionato di calcio, compromesso nella sua intera regolarità.

In conclusione, l’Associazione Codacons chiede alla F.I.G.C. entro 15 giorni da oggi di decidere di far ripetere l’incontro Milan – Spezia, altrimenti si rivolgerà alle Autorità Giudiziarie per ottenere il corrispondente provvedimento”.

Articolo precedenteMacron nuovo partner tecnico della Georgian Football Federation
Prossimo articoloCiclismo, Internazionali d’Italia Series presenta una stagione ‘Top-Class’