È una giornata campale per la LVPA, che in un turno infrasettimanale non sbaglia contro il Terracina e, approfittando della sconfitta del Sora contro il Ferentino, vola a +7 in testa alla classifica staccando Sora e Ferentino.
Vittoria risicata ma convinente per la LVPA, che in una partita strana, caratterizzata da tante occasioni fallite da entrambe le parti, doma un Terracina orgoglioso e mette un tassello importantissimo nella corsa agli spareggi di Serie D.
La partita – fuori Panella e Muzzi, dentro Lalli e Pompili per un mini-turnover in caa LVPA. Il Terracina ha tanti calciatori fuori, fra cui Marciano, Gerli deve dosare le forze e si presenta con 7 under in campo.
Il primo tempo è un monologo della LVPA, che dopo una piccola fase di studio accelera intorno a metà frazione.
Al 18’ bel cross di Pagliaroli per Pompili, Mandrake sfiora soltanto, presa agevole per Campagna, ma il gol è nell’aria e arriverà al 21’: palla in verticale per De Vita, Magic Box sterza e offre un pallone magico a Pagliaroli che trova una fantastica coordinazione, destro secco e palla all’angolino per l’uno a zero.
La LVPA insiste ma il gol non arriva: al 31’ angolo dalla sinistra, respinta della difesa, arriva Schiena che calcia ma alzando troppo il baricentro, palla alta, due minuti dopo bellissima azione in verticale della LVPA, con Citro che manda in profondità Pagliaroli, cross al bacio per Pompili che però perde l’attimo vincente davanti a Campagna.
Nel finale altro contropiede della LVPA, ma Schiena non approfitta del bel lavoro di Pagliaroli, oggi migliore in campo.
Nella ripresa il Terracina reagisce e la gara diventa bella. De Vita è subito protagonista: al 5’ si accentra alla sua maniera da sinistra e calcia col destro, Campagna addomestica agevolmente, poco dopo Pompili e Pagliaroli combinano bene ma De Vita si perde al momento topico per un tocco di troppo.
Gerli mette dentro Iozzi, Vuolo e Lleshi e il Terracina cambia marcia. Al 21’ contropiede fulmineo dei tigrotti, Vuolo si presenta al limite e calcia forte, ma con poca precisione.
Al 25’ è Vanini a provare il jolly dalla distanza, tiro insidioso ma che si allarga troppo. La LVPA reagisce con De Vita che al 28’ disegna una punizione meravigliosa, ma la palla centra la traversa beffarda.
Ancora schermaglie: al 33’ botta potente da fuori area di Vanini, grande risposta di Iali, mentre al 42’ l’occasione buona capita a Muzzi che fa partire un tiro a giro dal limite che per poco non diventa il 2-0.
Nel finale ancora Ramon Muzzi protagonista: l’ex Arezzo si libera in area, calcia forte ma trova prima una deviazione, poi un super intervento di Campagna.

 

Articolo precedenteAlle viste i campionati europei di equitazione
Prossimo articoloCalcio, Ssd Colonna, under 16, Serafini: “Non siamo partiti per stare ai vertici, ma ci proviamo”