La Cynthialbalonga osserverà due settimane di pausa da campionato. La formazione del presidente Bruno Camerini, infatti, non ha partite da recuperare nella “finestra” voluta dalla Lega Nazionale Dilettanti per cercare di “allineare” le classifiche dei vari gironi.

“Certo, non è il massimo fermarsi per due settimane quando mancano otto partite alla fine della stagione – dice il centrocampista classe 1995 Flavio Santarelli – Però anche le squadre che si troveranno a giocare magari tre o quattro partite in questo stesso periodo potrebbero avere problemi. Noi ci concentreremo sul lavoro da fare per presentarci al meglio al rush finale”. L’ex giocatore del Montespaccato parla dell’ultimo match pareggiato 3-3 (doppietta di D’Agostino e gol di Cardillo) sul campo del Castelnuovo Vomano, al termine di una gara davvero incredibile. “Sapevamo di avere di fronte un avversario di ottimo livello. E’ stata una partita difficile, giocata su un campo piccolo, ma molto bello. Abbiamo espresso un buon calcio per 70’ e siamo riusciti ad andare sul 3-0 con pieno merito, poi dopo aver sciupato l’opportunità del poker e aver subito il gol dell’1-3 sul contropiede a un quarto d’ora dalla fine è cambiato tutto. Non c’è stata una causa unica, dal mio punto di vista non è stato né un problema fisico né mentale: la qualità degli avversari ha avuto un peso, poi ovviamente anche noi avremmo potuto gestire meglio il vantaggio. Peccato perché sarebbe stata una vittoria molto importante”.

La Cynthialbalonga è comunque in piena zona play off: “Ma come accaduto domenica, non possiamo pensare di aver acquisito quel piazzamento. Mancano ancora tante gare e noi dobbiamo ragionare partita dopo partita”. Di certo Santarelli è felice della scelta fatta qualche mese fa di approdare nel club castellano: “Sono entrato in un bel gruppo, molto compatto. Venivo da quattro mesi al Montespaccato in cui avevo avuto pochissimo spazio, con mister Chiappara invece sto riuscendo a dare il mio contributo. La Cynthialbalonga mi ha accolto benissimo e sono felice di aver fatto questo passo a gennaio”.