Prima vittoria stagionale (al secondo tentativo) per la Cynthialbalonga. Dopo il k.o. con la Recanatese, la formazione castellana ha battuto 3-1 i marchigiani del Montegiorgio nel rinnovatissimo impianto “Bruno Abbatini” di Genzano, reso davvero stupendo dai lavori di ritinteggiatura degli spalti (dotati di nuovi seggiolini nella tribuna centrale) e dalla rizollatura del terreno di gioco. Ad andare in rete sono stati due difensori centrali (Rosania e Mazzei) che hanno ribaltato l’iniziale vantaggio ospite prima che Cardella mettesse il punto esclamativo a metà ripresa.

“Una vittoria ampiamente meritata, siamo stati novanta minuti nella metà campo avversaria – commenta proprio il centrale classe 1995 Tommaso Mazzei – I gol dalla difesa? In settimana abbiamo lavorato tanto proprio per migliorare quell’aspetto che non aveva dato buoni riscontri nella prima partita. Sul mio gol ho fatto un contromovimento e mi sono liberato per la conclusione di testa, poi la palla ha toccato la traversa ed è finita dentro. Non sono un “bomber”, ma qualche gol lo faccio sempre in ogni campionato e sono contento di aver segnato in uno stadio in cui avevo giocato qualche anno fa con la Cynthia e che è stato rimesso a nuovo dall’attuale società. Ma soprattutto sono felice per la vittoria che ci dà morale e convinzione”.

L’ex giocatore di Cassino e Ostiamare non ha dubbi sul tipo di campionato che dovrà fare la Cynthialbalonga: “La società ha fatto sforzi notevoli per allestire una rosa di qualità e quindi dobbiamo assolutamente competere per i vertici della classifica. E’ vero che come club siamo “nuovi” di questo girone, ma io ho giocato due anni fa col Pineto e so quali difficoltà possa nascondere questo raggruppamento. Ma so anche che la Cynthialbalonga è forte e anche le altre devono preoccuparsi di noi”. Nel prossimo turno la formazione castellana sarà ospite del Porto Sant’Elpidio, altra compagine marchigiana: “Hanno fatto un solo punto nelle prime due uscite, ma vincere fuori casa è sempre complicato e noi dovremo dare il massimo per ottenere un altro successo” conclude Mazzei.