La Cynthialbalonga coglie il secondo successo consecutivo per la prima volta in stagione. Un segnale di continuità importante per i castellani che, dopo il pesante 2-1 di Aprilia, hanno replicato sabato scorso nel match interno contro i campani del Gladiator affondati per 5-2. “Il primo tempo è stato piuttosto complicato – dice l’esterno alto classe 2001 Alessandro Barbarossa che ha siglato la quarta rete castellana subentrando al posto di Angelilli – Pur non essendo brillantissimi, abbiamo creato alcune occasioni e avremmo dovuto mettere uno scarto maggiore tra noi e gli avversari, invece siamo andati al riposo “solo” sul 2-1 con i sigilli di Angelilli e Nanni. Nella ripresa, infatti, è arrivato il secondo pareggio degli avversari, ma successivamente non abbiamo abbassato la concentrazione e grazie al gol di Roberti a metà secondo tempo abbiamo dato la svolta definitiva alla gara. Nel finale abbiamo dilagato con la mia rete e quella di Alessandro, portando a casa tre punti meritatissimi”. Sul suo gol c’è una curiosità davvero particolare: “E’ il mio secondo nel campionato di serie D e lo dedico alla squadra, nella speranza di poter raggiungere gli obiettivi che meritiamo. Il primo l’avevo segnato l’anno scorso, sempre il 20 novembre. Poi quest’anno avevo fatto gol anche all’Aprilia in Coppa, ma al di là delle scelte tecniche che mi riguardano e che rispetto, mi alleno sempre al massimo e cerco di farmi trovare pronto quando serve”. In casa Cynthialbalonga è quasi vietato parlare di classifica: “Adesso bisogna solo macinare punti – dice Barbarossa – La nostra posizione non rispecchia i valori della squadra. Avere pressione può far bene e adesso pensiamo solo ad uscire da questo brutto periodo nel miglior modo possibile. I motivi che ci hanno condizionato in questo inizio stagione sono molteplici, ma ora è inutile parlarne”. La Cynthialbalonga ha visto rimandata la gara di Coppa di mercoledì contro il Castelnuovo (col Gladiator si era anticipato appositamente, mentre il match è slittato a metà dicembre) e quindi ora la testa è alla gara col Latte Dolce di domenica: “Le trasferte in Sardegna sono sempre molto ostiche, ma noi vogliamo allungare la striscia positiva” conclude Barbarossa.