Il Colleferro dovrà giocare il play out fuori casa con l’Arce per ottenere la salvezza in questo complicatissimo campionato di Eccellenza. Il verdetto è arrivato dopo il pareggio di domenica scorsa sul campo del Città di Monte San Giovanni Campano (il decimo stagionale per un bilancio in perfetto equilibrio con altrettante vittorie e sconfitte) e i risultati delle concorrenti.

Dell’1-1 finale parla l’esterno classe 1997 Roberto Galeazzi, uno degli elementi “storici” di questo gruppo: “Abbiamo iniziato in salita il match visto che siamo andati in svantaggio. Poi abbiamo provato a spingere alla ricerca del pari, trovando la resistenza di un avversario orgoglioso e in lotta per cercare di evitare la retrocessione diretta. Ci è voluto un gol fantastico di Amici per acciuffare l’1-1, ma alla fine non siamo riusciti a conquistare un successo che ci avrebbe permesso di giocare in casa il play out con l’Arce. In ogni caso la squadra ha fatto il possibile e ora cercherà di dare il massimo anche nella gara decisiva di domenica prossima”.

Una sfida ad alta tensione: “Conosco tanti giocatori dell’Arce, è una buona squadra, ma siamo sullo stesso livello – dice l’esterno ritratto nella foto di Leonardo Pera – Vincerà chi avrà più fame, i dettagli faranno la differenza. Per me che faccio parte di questo gruppo da tempo e considero speciale questa maglia, sarà la partita della vita. Ho visto le facce dei compagni dopo il match di domenica: c’era delusione per il pareggio, ma convinzione di salvarci lo stesso. Al “Caslini” ci sarebbe stata una grande atmosfera, ma sono convinto che i tifosi ci seguiranno in massa anche ad Arce e il fattore psicologico potrebbe recitare un ruolo importante: all’inizio la gara sarà abbastanza bloccata anche perché siamo due squadre molti simili dal punto di vista tattico. Ma ci vorranno lucidità e pazienza perché in caso di parità ci saranno anche i tempi supplementari”. Galeazzi parla anche di come il club stia trasmettendo serenità alla squadra: “Sentiamo la loro fiducia, d’altronde il nostro è un gruppo serio e che ci terrebbe tantissimo a dare questa gioia alla società e ai tifosi”.

Articolo precedenteCalcio, La Rustica RRdP, Eccellenza, Iardino: “La mia squadra è forte, pronti per il play out”
Prossimo articoloCalcio, Valmontone 1921, Promozione, Sarnino: “Non dobbiamo macchiare il nostro campionato”