Il Colleferro ne ha vinta un’altra. La squadra di mister Antonio Battistelli ha portato a cinque le gare di imbattibilità battendo con un perentorio 3-1 il Città di Paliano nel match disputato domenica scorsa in un “Caslini” come sempre ribollente di entusiasmo per i rossoneri. “Abbiamo cominciato bene la sfida – dice il capitano e centrocampista offensivo classe 1994 Matteo Amici – Ma dopo il gol del vantaggio siglato da Tornatore, come spesso ci capita, ci siamo un po’ addormentati e abbiamo subito la rete del pareggio. Preso lo schiaffo, siamo tornati a giocare e il gol della svolta lo ha segnato Calabresi poco prima dell’intervallo. Nella ripresa ci ha messo una pezza Ercoli che ha fatto una grande parata sul 2-1, poi Tornatore a metà frazione ha segnato la rete del 3-1 che di fatto ha chiuso anticipatamente i conti. Nel secondo tempo, comunque, abbiamo legittimato la vittoria finale”. Amici (ritratto nella foto di Leonardo Pera) parla della capacità di adattamento del gruppo alla massima categoria regionale: “Gli “over” di questo organico come Cerroni, Lisi, Galeazzi e il sottoscritto avevano già una ricca esperienza in Eccellenza. I tanti giovani potevano accusare un po’ di più il salto dalla Promozione, ma al di là di qualche fisiologica difficoltà invece si sono totalmente calati nella categoria. Inoltre sono arrivati elementi nuovi di grande qualità ed esperienza che stanno dando un grosso contributo”.

Il capitano parla anche del progetto del “nuovo” Colleferro che viaggia spedito: “Ho vissuto in questa piazza gli anni d’oro della vittoria della Coppa Italia di Eccellenza e di altre annate da protagonisti, poi anche quelli più amari come la stagione della retrocessione. Questa nuova proprietà è destinata a portare ancor più in alto il Colleferro: magari non accadrà nell’immediato, ma succederà in un futuro molto prossimo”. In realtà la situazione del girone C di Eccellenza è fluida: “Il settimo posto (e quindi la salvezza senza passare dai play out, ndr) dev’essere il nostro obiettivo minimo, poi mai dire mai anche perché finora ad eccezione della Lupa Frascati che è la mia personale favorita nessun avversario ci ha mai messo sotto. Adesso avremo la delicata trasferta di Arce contro un avversario che ha giocatori importanti come Marini, Moriconi, Pintori e Basilico, poi affronteremo Itri e Ferentino in casa e infine faremo visita alla Vis Sezze: alla fine di questo poker di gare avremo le idee un po’ più chiare…”.