Condividi
Umberto Coratti
Umberto Coratti

La Prima categoria del Casilina ha giocato la sua amichevole stagionale. O meglio, l’ha cominciata e non l’ha finita vista la “bomba d’acqua” caduta su Roma che ha interrotto la partita del “De Fonseca” contro la Roma Est a inizio secondo tempo. I ragazzi di mister Tiberio Baroni, comunque, hanno lasciato sensazioni positive nel test giocato sotto gli occhi del presidente Umberto Coratti, del direttore generale Simone Coratti e del direttore sportivo del settore giovanile Luigi Di Stante. Lo stesso presidente Coratti, dopo aver fatto visita alle squadre del settore giovanile (impegnate nel ritiro in terra abruzzese a Colledimezzo) nella giornata di sabato, è rientrato a Roma per vedere i primi passi stagionali della Prima categoria. «Ho visto delle cose interessanti, anche se ovviamente è la prima amichevole e la squadra è ancora pesante. Forse ci manca qualcosina nel reparto difensivo, vedremo se sarà il caso di integrare l’organico. Comunque sono rimasti pochi elementi del vecchio gruppo e ci sono tanti volti nuovi, quindi ci vorrà un po’ di tempo». La Prima categoria del Casilina tornerà in campo giovedì per un’amichevole in famiglia con la Juniores regionale, uno dei gruppi di qualità di un settore giovanile che rende orgoglioso Coratti.

«Abbiamo quattro squadre tra i regionali e una, i Giovanissimi fascia A, che dovrà provare a vincere il campionato regionale. Ma anche tra le quattro regionali ci sono squadre come la Juniores o gli Allievi fascia A che sono estremamente competitive, mentre gli Allievi B forse hanno bisogno di qualche rinforzo in più e i Giovanissimi fascia B sono molto rinnovati, ma pronti per una buona stagione». Tornando a parlare di Prima categoria, Coratti parla del girone e fa un accenno all’esordio. «Il raggruppamento non è molto diverso da quello dello scorso anno, anche se ci hanno abbinato a qualche squadra ciociara in più come Piglio e Paliano. Poi all’esordio giocheremo subito il derby sul campo della Borghesiana e vogliamo farci trovare pronti».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here