Nuovamente contro, tre mesi circa dopo. Questa volta Italia e Spagna scenderanno in campo per staccare il visto per accedere alla finale di Nations League. Questa volta non più a Londra ma a San Siro dove, domani sera mercoledì 6 ottobre alle 20:45, si affronteranno per staccare il visto per accedere anche in questa circostanza ad una finalissima. Gli azzurri disputeranno la semifinale per aver avuto la meglio nella fase a gironi su Bosnia, Polonia e l’Olanda. Di contro la formazione di Luis Enrique su Germania, Svizzera ed Ucraina. Nell’altra semifinale si incontreranno Belgio e Francia giovedì 7 all’Allianz Stadium di Torino. Le vincenti torneranno in campo il 10 ottobre a San Siro alle 20:45 mentre la finalina è in programma, sempre nel capoluogo piemontese, il 10 ma alle ore 15. Solo nelle semifinali e nella finalissima sono previsti i tempi supplementari ed i calci di rigore, niente supplementari invece per la finalina per il terzo e quarto posto dove, sempre in caso di parità al termine dei minuti regolamentari, si passerà direttamente ai calci di rigore. I campioni in carica della Nations League è il Portogallo che si è aggiudicato la prima edizione di questa nuova competizione per nazionali il 9 giugno di due anni orsono battendo di misura in finale l’Olanda in rete con Guedes. Terza fu l’Inghilterra che ebbe la meglio sulla Svizzera.

Nell’ultima gara ufficiale tra e due nazionali agli europei il 6 luglio scorso gli azzurri la spuntarono ai rigori per 4 a 2 grazie alla parata di Donnarumma a Morata ed il successivo penalty messo a segno da Jorginho. Chiesa e Morata, invece, erano finiti sul taccuino dell’arbitro come marcatori per aver violato la porta avversaria durante i primi novanta minuti di gioco.

Quasi scontato l’undici che Mancini dovrebbe schiera in campo viste le forzate assenze degli infortunati Belotti e Immobile. Rivedremo probabilmente Raspadori a sostegno di Chiesa ed Insigne con a centrocampo Barella, Jorginho e Verratti. L’insostituibile Donnarumma tra i pali sarà protetto da una linea difensiva a 4 con Di Lorenzo a destra, Bonucci e Chiellini coppia centrale e Emerson Palmieri a sinistra.

Per le furie rosse attacco da reinventare per le assenze di Gerard Moreno e Morata, indisponibili anche Pedri e Sergio Ramos. Ipotizzabile che il tecnico schieri un tridente composto da Oyarzabal, Ferran Torres e Sarabia. In porta dovrebbe ripresentare Unai Simon. In mezzo al campo, infine, il riferimento sarà Sergio Busquets con Koke e Gavi laterali. Il peso di un titolo di campioni d’Europa ed il fattore campo ha indotto gli analisti dei BetFlag a considerare favoriti i ragazzi di Mancini ma con un 1 alto a 2,23, non particolarmente distante dal 2 a 3.40 e con l’X che moltiplica per 3,15.