In una gara del campionato umbro di Prima categoria, l’arbitro ha assegnato un calcio di rigore per aver sentito un’espressione blasfema da parte di un giocatore. Il fatto è avvenuto a Spoleto, dove si giocava la gara tra i locali della BM8 e il Cascia. Sull’1-1 un difensore della squadra di casa ha rinviato la palla dall’area e poi si è lasciato scappare una bestemmia.

L’arbitro, il ternano Daniele Fora, lo ha punito col cartellino rosso assegnando anche un calcio di rigore al Cascia, che poi ha vinto la partita 4-2.