E’ una delle formazioni giovanili dell’Atletico Lariano che è stata protagonista nella prima parte di stagione. L’Under 14 provinciale di mister Valter Fileni è nelle zone di vertice del suo girone (coordinato dal comitato provinciale di Latina) e già domenica tornerà in campo per la sfida interna col Cori Montilepini: “Si tratta di uno scontro diretto e quindi sarà indubbiamente una partita importante – dice l’allenatore del club gialloverde – Non sono preoccupato per la lunga pausa da gare ufficiali perché questi ragazzi hanno sempre mostrato una gran voglia di giocare e si sono impegnati tantissimo anche negli allenamenti di questo periodo”. Fileni fa un passo indietro per analizzare la prima parte di stagione della sua Under 14 provinciale: “Abbiamo rimediato una sola sconfitta contro la capolista Cisterna, un k.o. che non mi è andato giù per quello che si è visto in campo. Comunque siamo soddisfatti di come si stanno comportando i ragazzi”. Che lui ha preso per la prima volta quest’anno: “La maggior parte di loro arrivano dalla Scuola calcio dell’Atletico Lariano, segno che questa società sta facendo un buon lavoro sin dalla base”. L’allenatore da tempo è nello staff tecnico del club dei presidenti Loris Di Giacomantonio e Riccardo Palmieri: “Questa per me è una grande famiglia prima ancora che una società sportiva. La società ci è sempre vicina per qualsiasi tipo di esigenza. Quest’anno ho avuto la possibilità di tornare a lavorare nella categoria Under 14 dopo aver guidato l’Under 19 nella passata stagione: sono molto contento di lavorare coi ragazzi che escono dalla Scuola calcio”. Fileni non si nasconde quando parla degli obiettivi della sua Under 14 provinciale: “Il primo pensiero è quello di farli crescere e migliorare sia a livello individuale che di squadra, ma ovviamente non ci nascondiamo e pensiamo di poterci giocare le nostre carte fino in fondo”.

Articolo precedenteCalcio, Audace, Eccellenza, De Angelis: “Sono qui per ripartire. Questa squadra può fare bene”
Prossimo articoloCalcio, ULN Consalvo, Garzina: “L’under 14 cresce e prova a proporre il suo calcio”