L’ex allenatore di Cagliari, Milan e Juventus ha tenuto a battesimo il primo “business to business laboratory” dedicato alle aziende partner del club bianconero.

Il business è un gioco di squadra e quale migliore contesto di un stadio per rafforzare l’efficacia di questa filosofia?

Venerdì alla Dacia Arena, si è tenuto il primo “business-to business laboratory” organizzato dall’Udinese Calcio.

Oltre 150 imprenditori e manager riuniti, in rappresentanza di realtà imprenditoriali locali e nazionali, tutte partner di Udinese Calcio.

La formula del B2B Lab ha previsto due sessioni di lavoro in cui, a rotazione, le aziende divise in gruppi, si sono incontrate scambiandosi letteralmente i posti ai vari tavoli per consentire a tutti i partner di confrontarsi e scambiarsi idee.

A tenere a battesimo l’evento un testimonial d’eccezione, Massimiliano Allegri. L’ex allenatore di Juventus e Milan è intervenuto in Auditorium per parlare di Team building e team management.

“Ci sono molte similitudini nella gestione di persone all’interno di uno spogliatoio e di un’azienda – ha sottolineato Allegri-, tutto verte attorno alle risorse umane che fanno sempre la differenza per il raggiungimento degli obiettivi in tutti i campi “.

Ormai sempre più spesso i modelli sportivi di gestione delle risorse umane e del gruppo si avvicinano a quelli delle aziende e frequenti sono le occasioni per scambio di informazioni ed esperienze.

Ha aperto i lavori l’allenatore dell’Udinese Luca Gotti. “Per certi aspetti – ha spiegato Gotti rivolgendosi ai managers – la mia professione è accomunata alla vostra: la gestione di risorse umane nell’ottica della cooperazione, presupposto indispensabile per fare squadra e business. La miscelazione tra cooperazione e competizione diventa fondamentale per ottenere risultati”.

Ed è proprio questa la mission di B2B Lab: consentire ad aziende locali di potersi interfacciare con grandi realtà diffuse su tutto il territorio italiano e non solo, in modo da costruire nuovi legami commerciali.

Un concept innovativo che vede l’Udinese Calcio come trait d’union, rimarcando anche la centralità dell’Udinese Club House e della Dacia Arena come meeting center e punto di riferimento anche in questo ambito, oltre che eccellenza riconosciuta dell’impiantistica sportiva.
“Oggi per me con questo evento si realizza qualcosa a cui ambivo con forza – dichiara Magda Pozzo –, vedere 150 eccellenze territoriali e nazionali che si incontrano e si presentano tra loro. Con l’obiettivo di creare nuove collaborazioni.

Per noi lo Stadio non é più solo un luogo sportivo ma diventa un luogo d’incontro che possa piacere ed essere utile anche a chi non segue il calcio ma dove si respira ugualmente passione. Per questo motivo per le imprese abbiamo voluto di più: un autentico incubatore di idee e progetti che tramite il calcio e lo stadio possono essere elevate alla massima potenza​”.

“Ci sono tante aziende che hanno un minimo comune denominatore che è Udinese Calcio – sottolinea Andrea Togni, presidente di Vortice Group, co-sponsor di maglia-. Eventi come questo permettono alle aziende di conoscersi e avere del tempo per raccontarsi con l’obiettivo di allacciare nuove relazioni, trovare un fornitore migliore, un nuovo cliente oppure fare attività di co-sponsoring e co-marketing e quindi unire le forze e sfruttare l’opportunità rappresentata dall’Udinese Calcio”.

Presente all’evento anche il Marketing Manager di Infront Italy Stefano Deantoni. (fonte Sporteconomy)