Nella città più antica del Tirolo, fra tre giorni esatti, arriveranno circa 150 climbers che prederanno parte alla European Cup Boulder di Bressanone. Sabato 7 e domenica 8 maggio il Vertikale Climbing Stadium si colorerà con le bandiere di ben 25 nazioni, con i migliori rappresentanti dell’arrampicata sportiva continentale. Il comitato locale Alpenverein Südtirol e i tecnici in questo momento sono alle prese con l’allestimento della parete boulder alta circa 5 metri, su cui si muoveranno i rapidi ‘ragni’ fino a raggiungere il ‘top’, il punto più alto del percorso di gara.

Scorrendo la lista iscritti, figurano le più titolate nazioni che hanno brillato nelle competizioni internazionali come Austria, Repubblica Ceca, Slovenia, Olanda, Francia e Italia. Dopo la prima tappa di European Cup a Praga, l’Austria è a caccia del bis con Eva Maria Hammelmüller che avrà a che fare con l’olandese Sabina Van Essen, seconda a Praga e già vincitrice di due tappe di Coppa Europa Youth, la connazionale Sandra Lettner e la ceca Eliska Adamovska. Il gruppo delle italiane, causa problemi tecnici, non ha potuto prendere parte alla prima tappa saltando già il turno delle qualifiche. A Bressanone la Nazionale si presenterà affiatata con 8 atlete, cariche per questo primo appuntamento italiano di alto livello.

Per quanto riguarda gli uomini, il lettone Edvards Gruzitis (secondo a Praga) può approfittare dell’assenza del ‘king’ Adam Ondra e puntare così alla vittoria in terra italiana. Presente il tedesco Yannick Flohé, campione del mondo di combinata 2021, l’esperto climber ceco Martin Stranik, stretto amico di Ondra e abile scalatore di falesie, e il piemontese delle Fiamme Oro Stefano Ghisolfi, vincitore della classifica generale della Coppa del Mondo Lead 2021 e di 10 classifiche generali di Coppa Italia tra Lead e Boulder. Tra i favoriti si aggiungono lo sloveno Jernej Kruder, campione europeo Boulder nel 2020 e vincitore assoluto della Coppa del Mondo Boulder nel 2018, il tedesco Jan-Luca Posch, secondo nella tappa di Coppa Europa 2021 in Polonia, il belga Simon Lorenzi, il finlandese Anthony Gullsten e lo svedese Hannes Puman.

Gareggeranno davanti al pubblico ‘di casa’ Filip Schenk (FFOO), pluricampione della specialità Lead, e la debuttante tra i senior Leonie Hofer. Al via anche i trentini Pietro Vidi (miglior italiano a Praga con il 12° posto) e i fratelli Alessia, Federica e Simone Mabboni.

Ancora pochi giorni prima di vedere all’opera gli audaci climbers, le porte della palestra Vertikale si apriranno sabato 7 maggio con le qualificazioni femminili dalle 10 alle 13.30 e quelle maschili dalle 15.30 alle 20, mentre domenica giornata di semifinali dalle 10 alle 12.15 e finali dalle 16.10 alle 17.50. Il pubblico potrà seguire gratuitamente entrambe le giornate di gare nello spazio all’aperto di fronte alla parete.

Articolo precedenteBaseball, serie A, il quinto turno
Prossimo articoloA Imola prende il via la nuova era della Porsche Carrera Cup Italia