È un Alessio Rossano Bellan raggiante, nonostante le basse temperature dello scorso fine settimana, quello rientrato dalla seconda edizione dell’Halloween Ronde, evento tenutosi nella Repubblica di San Marino, tra sabato e domenica.

Il pilota di Taglio di Po era al debutto sulla Skoda Fabia R5 di Autotecnica2, seconda apparizione assoluta nella classe regina, ed il risultato ottenuto, in mezzo a tanti protagonisti dotati di un’esperienza consolidata nella categoria, risulta essere particolarmente appagante.

Affiancato dall’ormai inseparabile Silvia Croce, alla sua destra, il portacolori di AB Motorsport prendeva le misure alla vettura della casa ceca sul primo passaggio della “Serravalle”.

Buono il quattordicesimo parziale in classe R5 – Rally 2, unito al quindicesimo in gruppo RC2N ed al diciassettesimo nella provvisoria generale, nonostante muovesse i suoi primi passi.

“Il primo giro è stato un po’ tribolato” – racconta Bellan – “perchè ho dovuto cercare di capire come gestire questo reattore. Arrivavo dalla Rally 4 quindi potete bene immaginare quanto fosse diversa la situazione, passando da una trazione anteriore ad una quattro per quattro.”

Un significativo miglioramento avveniva sulla prima ripetizione, delle quattro previste alla Domenica, con Bellan che abbassava il proprio crono di otto secondi e recuperava una posizione in classe, una in gruppo e due nell’assoluta, crescendo ulteriormente sul terzo giro.

All’accensione delle fanaliere supplementari il polesano continuava a progredire, penalizzato da un errore, commesso poco dopo lo start, che gli ha precluso una possibile entrata in top ten.

“Bello, bello ed ancora bello” – aggiunge Bellan – “perchè, dal secondo giro in poi, ho iniziato a divertirmi parecchio. Uscivo dalle curve in spazzolata, cominciavo a prendere fiducia con le staccate e le percorrenze. Una prova speciale molto tecnica e veloce per una prima uscita decisamente positiva. Diciamo che abbiamo seminato per il nostro futuro. Peccato per l’ultima speciale, quella di notte. Dopo la galleria, probabilmente per via delle gomme fredde al posteriore, ci siamo girati. La Fabia non si è spenta ma, nel fare manovra, avremo perso almeno una decina di secondi. Senza quel ritardo avremmo migliorato il nostro giro più buono del giorno con questo passaggio, arrivando sotto al trenta. È stata un’esperienza bellissima.”

Un primo assaggio che si è già rivelato fatale per Bellan, desideroso di tornare presto al volante dopo il tredicesimo in classe R5 – Rally 2, in gruppo RC2N ed il quattordicesimo assoluto.

“Sono come un bambino che corre dietro al suo ciuccio” – conclude Bellan – “e devo ammettere che, una volta provata quest’auto, è difficile pensare di tornare sulla Rally 4. È stata la nostra prima volta con tutto, sono rimasto impressionato. Sicuramente faremo un’altra gara con la Skoda, prima di fine 2022. Grazie a Silvia, ad Autotecnica2 ed ai nostri partners.”

Articolo precedenteIl riscatto di Porro, sua la finale rally cup Italia
Prossimo articoloFestival Nazionale delle Università, domani il via alla Link Campus University