Daniele Lupo e Paolo Nicolai sono Campioni d’Europa per la terza volta. Dopo Cagliari 2014 e Bienne 2016, infatti, è arrivato anche il trionfo di Jurmala. Una vittoria più che meritata per come sono andate le cose durante il torneo, coronata con una eccellente prestazione in finale contro gli idoli di casa Samoilovs e Smedins. I due ragazzi azzurri, che un anno fa avevano conquistato a Rio de Janeiro la medaglia d’argento olimpica, volevano fortemente questa vittoria, per coronare una stagione di altissimo livello con una sola macchia, purtroppo nell’appuntamento più importante: il Mondiale.
La loro prestazione nella gara che valeva il gradino più alto del podio è stata semplicemente perfetta. Un primo set da incorniciare (21-16), privo di sbavature, in crescendo che aveva fatto capire ai lettoni che oggi per loro sarebbe stata dura vincere. Anzi impossibile come ha dimostrato la seconda fase del match. Samoilovs e Smedins sono partiti forte in avvio di secondo parziale, sono arrivati ad avere quattro lunghezze di vantaggio, che sono state tre sino al 15-12, quando i muri e i palleggi di Paolo e le difese e le invenzioni offensive di Daniele hanno colmato la differenza e poi lanciato gli azzurri di Matteo Varnier verso il terzo trionfo continentale, arrivato con il 23-21 finale al termine di uno scambio davvero spettacolare. Il Beach Volley italiano, dunque, torna alla ribalta con il successo della sua coppia di punta.

Matteo Varnier: “Sono contentissimo e allo stesso tempo orgogliosissimo dei miei ragazzi, hanno disputato una competizione praticamente perfetta che si è chiusa con questa splendida medaglia d’Oro. Forse nelle prime due partite siamo stati poco brillanti, ma poi è stato un crescendo continuo come dimostrano le prestazioni in semifinale e finale. Daniele durante tutto il corso del torneo ha mantenuto un ritmo di cambio palla impressionante, sfoggiando una varietà di colpi che ha mandato in crisi tutti gli avversari. Paolo è stato eccezionale come sempre, mi è poi piaciuta tantissimo la nostra organizzazione muro-difesa che si è rivelata davvero efficace. Dopo la batosta del Mondiale ci v oleva un risultato di questo tipo per riprendere subito il nostro cammino, non era facile reagire subito e invece i ragazzi hanno tirato fuori ancora una volta tutte le proprie qualità. Una volta conquistata la medaglia d’Argento alle Olimpiadi ho temuto che Paolo e Daniele potessero avere in questa stagione un calo fisiologico, ma invece stanno disputando un’altra grandissima stagione e il titolo europeo è la giusta ricompensa.”

Daniele Lupo: “Siamo davvero contenti perché confermarsi Campioni d’Europa non era affatto facile. Venivamo da un Mondiale in cui non eravamo riusciti ad esprimere il nostro meglio, quindi ci siamo presentati con tanta voglia di riscattarci. Abbiamo disputato un torneo davvero eccezionale che corona una stagione nella quale siamo sempre stati tra le migliore coppie al mondo. Raggiungere la vetta è molto difficile, ma confermarsi lo è ancora di più e noi ce l’abbiamo fatta. Nei tanti tornei disputati siamo quasi sempre riusciti a mettere in mostra un ottimo beach volley e questa è la cosa che mi soddisfa di più. Penso che uno dei nostri punti di forza sia gestire bene la pressione e mant enere la concentrazione di partita in partita, senza guardare troppo avanti, e rimanendo sempre umili. Ormai sono tanti anni che gioco con Paolo, possiamo dire che siamo cresciuti insieme e il processo di maturazione di entrambi influisce positivamente anche in campo. Adesso i prossimi obiettivi sono fare bene nel torneo di Amburgo e poi la finale del Campionato Italiano a Catania.”

Paolo Nicolai: “In questo momento non è facile esprimere tutto quello che provo. Voglio ringraziare in primis Daniele, poi il nostro tecnico Matteo e ovviamente tutto il nostro meraviglioso staff che in questa stagione sta facendo una lavoro fantastico. Per diventare Campioni Europei per la terza volta abbiamo fatto tanti sacrifici, ma siamo molto orgogliosi di aver portato l’Italia ancora una volta sul gradino più alto del podio. Giocare una finale contro la coppia di casa non è mai facile, ma un anno fa abbiamo disputato la finale olimpica a Rio De Janeiro contro la formazione brasiliana e per questo eravamo ben preparati al clima che avremo trovato. Sinora la nostra stagione è stata ottima e vogliamo continuare così, il prossimo anno torneremo all’Europeo sperando magari di regalarci il poker di titoli.”