Si è chiuso con un ottimo secondo posto il Porec Major per gli azzurri Paolo Nicolai e Daniele Lupo, battuti solo in finale al tie-break dai brasiliani Pedro Solberg – Guto 1-2 (21-18, 23-25, 9-15). La sconfitta conclusiva non può comunque cancellare una settimana eccezionale vissuta dagli atleti dell’Aeronautica Militare, che nel corso del torneo si sono tolti la soddisfazione di battere addirittura due volte i campioni olimpici Alison-Bruno: nella fase a gironi e in semifinale.
Il secondo gradino del podio, in uno dei soli tre tornei ad avere 5 stelle nel World Tour, è l’ennesima conferma della grande annata che i ragazzi guidati da Matteo Varnier stanno disputando. Grazie ai 960 punti conquistati, infatti Nicolai-Lupo da domani diventeranno la coppia numero uno del World Tour Ranking, superando i russi Krasilnikov-Liamin.
Con il piazzamento di oggi, inoltre, salgono a quattro i podi stagionali di Paolo e Daniele nel circuito mondiale (21 quelli in carriera), segnale di grande continuità che fa ben sperare per il principale appuntamento dell’anno: il Campionato del Mondo che si svolgerà a Vienna dal 28 luglio al 6 agosto.
Nella finale contro i brasiliani il primo set ha visto la coppia azzurra sfruttare molto bene il servizio e portarsi ben presto al comando. Una volta avanti i ragazzi di Varnier hanno gestito il vantaggio con autorità, chiudendo senza problemi il parziale (21-18).
Nel secondo set sono stati i sudamericani a partire meglio, mentre gli atleti dell’Aeronautica Militare hanno dovuto inseguire a lungo. Con grande determinazione, punto dopo punto, gli azzurri si sono riportati in parità, rendendo le fasi finali combattutissime. Nicolai-Lupo dopo aver annullato una palla set agli avversari, hanno avuto il match point a propria disposizione, ma la coppia verdeoro non si è arresa ed è riuscita a spuntarla (23-25).
Nel tie-break i brasiliani hanno imposto sin da subito il loro ritmo, mettendo in grande difficoltà i vice campioni olimpici. Lo svantaggio iniziale ha pesato su Nicolai-Lupo che non sono riusciti a ribaltare la situazione (9-15).

Articolo precedenteElf Civ, Moto3 da brividi al Mugello
Prossimo articoloCanottaggio, la Stewards’ Challenge Cup rimane in Gran Bretagna, l’Italia seconda