Intensa domenica mattina sulla spiaggia di Vasto dove è in corso di svolgimento la terza giornata della 18^ edizione dei Giochi del Mare. Tutte le aree in piena attività, da quelle gestite direttamente dalla Fipsas, Federazione Italiana Pesca Sportivo che organizza l’evento, a quelle delle altre discipline sportive che si stanno svolgendo alla presenza di atleti di altissimo livello. Sono partite le partite di qualificazione del torneo di beach volley che vedranno svolgersi le finali nel pomeriggio, ma soprattutto sono andati in scena eventi di grandissimo livello nelle aree riservate al Beach Soccer, al TTX e al Badminton.


Momento di grande intensità sul campo di beach soccer dove, nel pieno spirito dei Giochi del Mare, è stata organizzata una sfida tutta speciale nella quale una squadra maschile, la ASD Vastese, formazione che partecipa alla serie A di beach soccer, ha sfidato una squadra femminile, la ASD Florida di Pescara, squadra della serie A di calcio a 5 donne. Le due sfidanti si sono affrontate inizialmente in una gara di calci di rigore, che ha visto la vastese prevalere per 12-7, e poi in un’avvincente partita che ha visto le ragazze capitanate da De Siena tenere testa alla formazione del presidente/giocatore Nicola Ciappa regalando spettacolo sul campo. Il 7-3 finale per la Vastese è il risultato di un match equilibrato e ben giocato. Momento toccante prima della partita quando i ragazzi della Vastese hanno ricordato, con una commovente commemorazione, il loro compagno Andrea Marinelli, scomparso in un incidente stradale.

 


La 18^ edizione dei Giochi del Mare ha tenuto a battesimo il TTX, la nuova specialità del tennistavolo volta a rendere il gioco praticabile da tutti. Nella nuova disciplina la pallina del TTX è più grande e più pesante di quella ordinaria, per consentire un gioco in un ambiente aperto. Le racchette sono semplificate, senza spin, e le partite si disputano disputate in tre set da due minuti ciascuno di durata. Non ci sono regole per il servizio, che è assolutamente freestyle. L’unico vincolo è che la pallina tocchi la propria metà campo prima di superare la rete. Sono previsti due punti in più per ogni vincente, in cui cioè l’avversario non riesca a toccare la palla con la sua racchetta. Insomma un modo divertente di giocare che sta raccogliendo un numero sempre crescente di praticanti. Nell’area riservata, dove sono allestiti più di dieci campi, si è svolto un mega torneo, con la numerosa partecipazione di 50 atleti. La vittoria è andata al romeno Mirel Iordache che prima batte in semifinale Paolo Iagulli per 2-1 e poi ha sconfitto in finale Gianfranco Campana sempre con il punteggio di 2-1.

Momenti di integrazione attraverso lo sport nell’area dei Giochi del Mare riservata al beach badminton dove atleti di livello nazionale hanno incrociato le racchette con atleti disabili dimostrando come la disciplina può essere uno strumento fondamentale per la crescita dei portatori di disabilità e del loro completo inserimento nel mondo dello sport agonistico.