È uno degli appuntamenti più attesi dell’intera stagione rallystica in Triveneto e ad un’occasione così speciale, quella del Mundialito Triveneto, Funny Team non poteva mancare all’appello, raccogliendo risultati di indubbio valore.

Il migliore fra tutti è stato Mauro Simontacchi, alle note Andrea Ballini su una BMW M3 gruppo A, protagonista dei piani alti di un Rally Storico Città di Bassano che, chiudendo il Trofeo Rally di Zona per quanto riguarda il nord est d’Italia, lo ha visto mettere a segno il quinto assoluto, conquistando anche un doppio podio, terzo in quarto raggruppamento ed in classe A-J2/>2000.

“Un crescendo, dall’inizio alla fine” – racconta Simontacchi – “grazie ad una vettura sempre perfetta e ad un team superlativo. Sono molto soddisfatto per un risultato sopra le mie aspettative. Grazie al mio naviga, ineccepibile, a Cognolato Racing ed a Funny Team.”

Dalle regine del passato all’ultimo atto dell’International Rally Cup, il Rally Città di Bassano, dove Daniel Dal Lago, con Thomas Panato su una Renault Clio RS di gruppo N curata da PR2 Sport, ha vissuto due giorni di alti e bassi, cercando di prendere le misure ad una vettura che vedeva per la prima volta e con la quale ha chiuso quinto tra le duemila del produzione.

Da un debutto ad un altro per un Nicola Pezzato che, affiancato da Fabio Pegoraro, esordiva sulla Renault Clio Rally 5 di PR2 Sport, al rientro dopo oltre un anno di latitanza.

Il portacolori della scuderia di Abano Terme si è trovato a proprio agio con la nuova compagna di avventura, salendo sul terzo gradino del podio in Rally 5, decimo in gruppo RC5N.


“Dopo un anno, dalla catastrofe di Modena, siamo ritornati” – racconta Pezzato – “ed abbiamo scelto una gara tosta e selettiva, più impegnativa del previsto. Ci vogliono chilometri ma si può andare veramente forte con la Clio. Grazie a Fabio, perfetto a destra, ed a Funny Team, al presidente Flavio, alla vicepresidente Marica ed al segretario Nicola. Grazie alla PR2 Sport.”

Sorride anche Alessandro Rampin, alle note Matteo Barbiero sulla Peugeot 106 Rallye gruppo A curata da Assoclub Motorsport, al primo podio, terzo in classe A6, dal suo ritorno al volante.

“Erano diversi mesi che ero fermo” – racconta Rampin – “ed avevo anche un navigatore al debutto. Siamo partiti cauti, sulla Rubbio in notturna, ma al Sabato, nonostante un tempo imposto e l’aver raggiunto un concorrente che ci precedeva, abbiamo segnato ottimi tempi. Grazie ad Assoclub Motorsport, fantastica la vettura, ed a Valentino Vettore, una garanzia.”


L’unico a masticare amaro, al termine del fine settimana bassanese, è stato il giovane Ruben Alfonsi, al via con Ermes Cattelan su una Peugeot 106 Rallye in versione gruppo N.

Per lui un avvio complicato, condito da qualche noia tecnica, ha anticipato l’alzata di bandiera bianca, avvenuta sul secondo giro a Rubbio, a causa di una fatale uscita di strada.

Articolo precedentePoker di Faccini al Chiavari-Leivi
Prossimo articoloIl 48° campionato invernale Interlaghi di Lecco all’H22 “Alta tensione”