Giulio Papi, centro di Cantù
Giulio Papi, centro di Cantù

Prima giornata del 2019 e primi verdetti nella Serie A di basket in carrozzina: la chiusura del girone di andata della stagione regolare sancisce le quattro squadre qualificate alla prossima Final Four di Coppa Italia, in calendario nel fine settimana del 23 e 24 marzo 2019. A UnipolSai Briantea84 Cantù, S. Stefano Avis e Key Estate Porto Torres, si aggiunge la Deco Group Amicacci Giulianova, che batte Varese in trasferta e approfitta della nuova sconfitta del Santa Lucia Roma. Gli abruzzesi chiudono al terzo posto, (pari punti con Porto Torres, su cui però pesa il vantaggio della vittoria nello scontro diretto), e se la vedranno con S. Stefano in semifinale di Coppa Italia; l’altra semifinale sarà tra i campioni in carica della UnipolSai Briantea84 Cantù e il Key Estate Porto Torres, nella riedizione della bella ed equilibrata partita che ha chiuso il turno di sabato 12 gennaio.

In un Palasport di Seveso gremito come di consueto, i padroni di casa della Briantea ottengono la settima vittoria su sette partite giocate, chiudendo un girone di andata privo di passi falsi. Eppure Porto Torres esce dal parquet a testa alta, sconfitto solo in volata 72 a 68. Come accaduto già in passato, i lombardi partono fortissimo (13 a 3 dopo 6 minuti e 19 a 7 alla fine del primo quarto), ma poi calano di intensità, permettendo agli avversari di rientrare. Dal massimo vantaggio raggiunto ad inizio terzo quarto (+14), Porto Torres comincia una lenta ma costante rimonta, trascinata dalle triple di uno straordinario Mateusz Filipski (39 punti e 13 rimbalzi per il polacco, alla migliore performance della stagione). I sardi però non tornano mai sotto i due possessi di distanza, e la Briantea84, grazie alle consuete profonde rotazioni e alla molteplicità di soluzioni in attacco (Berdun, Santorelli, Papi e Carossino chiudono tutti in doppia cifra), ma anche alla freddezza dalla lunetta nel finale, chiude senza soffrire eccessivamente un match ben giocato da entrambe e dai toni agonistici alti, premessa per una semifinale di Coppa Italia di grande interesse.

Mantiene due punti di distanza dalla vetta il S. Stefano Avis, che in casa batte il Santa Lucia Roma, frustrandone ogni residua ambizione di partecipare alla prossima Coppa Italia. Marchigiani sempre in controllo del ritmo e del punteggio della partita, in vantaggio anche di 15 punti all’inizio della ripresa e poi bravi a controllare il tentativo di rientro degli avversari. Sofyane Mehiaoui firma 19 punti nonostante percentuali dal campo non eccezionali (8/25 con 0/4 da tre), ma rimane l’anima offensiva della squadra; buone notizie in chiave azzurra da Andrea Giaretti, al rientro dall’infortunio alla mano e autore di 16 punti e 6 rimbalzi in 30’. Al Santa Lucia non basta la buona prestazione di Marco Stupenengo (16 punti con 6/9 al tiro) per evitare la sconfitta 59 a 53. Nota lieta, i 10 punti del giovane Salim Chakir, già nel giro della Nazionale Under 22 azzurra.

Il S. Stefano Avis in semifinale di Coppa Italia se la dovrà vedere con la Deco Group Amicacci Giulianova, che ha strappato ieri il biglietto per la Final Four andando a vincere in casa dell’Hs Varese. Partita non semplice per gli abruzzesi, a lungo sotto nel punteggio, anche di 11 punti nel corso del secondo quarto. Il sorpasso decisivo avviene solo a 6 minuti dalla fine dell’ultimo periodo, nel pieno di un parziale che porta Giulianova dal 43-47 al 63 – 53 finale: protagonista il centro Gharibloo (migliore in campo con una doppia doppia da 26 punti e 10 rimbalzi). Per Varese girone di andata da incubo, con sette sconfitte e zero punti in classifica.

Brillante infine il successo della Dinamo Lab Banco di Sardegna nella trasferta di Bergamo contro l’SBS: i sardi, in netta crescita già sul finale di 2018, vincono con discreta autorevolezza 65 a 50. Il derby argentino tra Joel Gabas dell’SBS e Cristian Matias Gomez della Dinamo viene vinto da quest’ultimo con una impressionante doppia doppia da 29 punti e addirittura 25 rimbalzi. In doppia cifra anche Fabio Raimondi, con 14 punti e il 50% dal campo. Per la Dinamo Lab è la terza vittoria in campionato, che significa quinto posto in classifica, a ridosso della zona playoff.