Francesco Aluffi manager Italia alla conferenza stampa (Credit WBSC)

Al via la trentesima edizione del Mondiale Under 18. Per gli azzurri, guidati in Florida dal manager Francesco Aluffi, si tratta di una avventura non semplice e molto probante, a iniziare dalla partita di esordio contro il Giappone: numero 1 del ranking mondiale.

Quarti al recente Campionati Europeo gli azzurrini dell’Italia Under 18 si apprestano a esordire nel Campionato del Mondo di Bradenton e Sarasota (Florida, USA) con la certezza che il cammino che dovranno percorrere sarà molto ripido e ricco di insidie. A iniziare dalla partita di esordio contro il Giappone, una squadra dalla grande tradizione e indiscutibilmente inserita tra le favorite per la vittoria finale. Dal momento in cui, tra l’altro, i nipponici sono numero 1 del ranking mondiale.

La manifestazione, che torna negli Stati Uniti dopo 27 anni, dopo che 4 delle prime 5 edizioni (dal 1981 al 1985) si erano disputate proprio negli USA, è stata ufficialmente presentata nel corso di una conferenza nel centro di Sarasota. Per ora l’inizio è costellato di dubbi: il primo riguarda l’arrivo della formazione di Panama (inserita nel girone B insieme a Italia, GiapponeCina TaipeiMessico e Australia e che il programma metterà di fronte agli azzurri lunedì 12 settembre), bloccata dalla mancanza dei visti per l’ingresso negli Stati Uniti; il secondo dai temporali tropicali che si sono abbattuti in questi giorni sulla Florida e che potrebbero costringere già al rinvio delle partite della prima giornata.

Se tutto dovesse, invece, andare per il verso giusto e quindi il programma disputarsi senza scherzi del maltempo, l’Italia esordirà nella giornata di mercoledì 9 settembre alle ore 15.00 ET (21.00 ora italiana) all’Ed Smith Stadium di Sarasota (sede dello Spring Training dei Baltimore Orioles) contro il Giappone.

“Sarà un esordio molto eccitante – ha detto il manager Aluffi alla conferenza stampa – per me, come per tutta la squadra. Ci siamo preparati bene nella settimana di Toronto e adesso siamo pronti. Sarà un onore affrontare una delle squadre certamente più forti del mondo e sicuramente in lotta per il titolo. Da squadra così possiamo solo imparare. Sono un po’ preoccupato perché manager Mabuchi mi ha detto che utilizzerà il miglior lanciatore del roster, ma questo è anche uno stimolo”.

Per la cronaca, per regolamento, i manager devono annunciare il giorno precedente la partita il lanciatore partente e il manager giapponese Shiro Mabuchi ha scelto Ayuta Seimori, pitcher dotato di ottima velocità (abbondantemente sopra le 90 miglia) e di due lanci che fanno la differenza: fastball e forkball. Di contro Aluffi ha annunciato che il partente azzurro sarà Simone Carnevale.

Articolo precedenteVolley Club Frascati, Musetti: “Vogliamo consolidare ciò che abbiamo costruito”
Prossimo articoloBasket, Domenico Morena: “Giocherò la mia ultima partita a Napoli”