Il lanciatore vincente Mattia Aldegheri (Lynx_prod)

L’Italia riscatta la sconfitta in semifinale contro la Germania, battendo la Gran Bretagna (8-1 il finale) nella finale per il terzo e quarto posto dell’Europeo under 23. Sul diamante di San Martino Buon Albergo, i ragazzi di Alberto D’Auria hanno superato per la seconda in questa settimana gli inglesi, toccando al momento giusto i lanci del partente Isdale e del primo rilievo Fretheim, chiudendo il match tra la terza e la quarta ripresa nella quale hanno messo a segno sei degli otto punti complessivi. Otto le valide italiane, con Cesare Astorri (2/2) e Giulio Monello (2/3) che si sono messi in evidenza.

Il monte di lancio ha invece firmato una no-hit combinata, con Mattia Aldegheri del Parmaclima protagonista con nove eliminazioni al piatto, prima di lasciare spazio a Francesco Bonvini e Marco Artituzu.

La facile vittoria sulla Gran Bretagna regala alla nostra nazionale uno storico bronzo, essendo la prima partecipazione alla manifestazione, anche se rimane un pizzico di amaro in bocca per come sono andate le cose venerdì sera a Verona, con un ko arrivato a due out dalla fine, al termine di un duello bellissimo tra Scotti-Andretta e Baumer.

Nella finalina, l’Italia passa in vantaggio al secondo attacco con Giulio Monello. Il catcher batte valido, avanza fino in terza su una doppia scelta e ruba casa base, cogliendo di sorpresa la difesa inglese. Al terzo inning gli azzurri allungano: Bertossi e Gamberini arrivano in base rispettivamente sull’errore di tiro dell’interbase e del terza base e segnano il secondo e il terzo punto sulle valide di Monello e Astorri. La Gran Bretagna cambia lanciatore ma l’attacco azzurro al quarto firma un big inning da quattro punti, grazie alle valide di Meliori (doppio), Flisi, Bertossi e Monello e a tre basi ball.

Nella parte bassa del quinto gli inglesi accorciano le distanze sul

rilievo Bonvini: il talento della Crocetta colpisce i primi due battitori affrontati; Isdale avanza in terza e successivamente corre a casa su due lanci pazzi.

Gli azzurrini fissano l’8-1 finale al sesto: Monti riceve la base ball, avanza in terza su doppio a destra di Samuele Gamberini e segna sulla volata di sacrificio di Astorri. La Gran Bretagna piena le basi al sesto inning, ma la difesa e Artitzu riescono ad evitare segnature.