Non è riuscito nell’intento di bissare la vittoria assoluta della passata edizione ma il Rally Città di Bassano dello scorso fine settimana ha visto Boštjan Avbelj centrare un bersaglio ancora più prestigioso, il primato nell’International Rally Cup 2022.

Il pilota sloveno, affiancato da Damijan Andrejka sulla Skoda Fabia Rally 2 Evo di MS Munaretto, si è confermato il migliore tra gli iscritti alla serie nel Mundialito Triveneto, corso tra Venerdì e Sabato, costantemente secondo assoluto, di gruppo RC2N e di classe R5 – Rally 2.

Una chiusura del cerchio con i fiocchi per Xmotors Team, da sempre sostenitrice del potenziale di Avbelj, in un Bassano che, anche quest’anno, ha visto il tricolore ben lontano dal primato.

“Missione compiuta” – racconta Avbelj – “ed abbiamo portato a casa il titolo nell’IRC. Siamo i campioni. Questo era il nostro obiettivo stagionale e siamo riusciti ad ottenerlo. È stato bello, per il secondo anno consecutivo, fare parte dell’intero IRC. Grazie all’organizzatore, Loriano Norcini. Abbiamo condotto una gara pulita, qui al Bassano, e tutte le persone coinvolte nel progetto hanno svolto il loro lavoro alla perfezione. Congratulazioni a Gryazin, per la vittoria e per il buon passo mostrato durante la gara, ma anche ai nostri avversari del campionato. Siamo molto contenti ed un grosso grazie lo devo dire a Damijan. Grazie ad MS Munaretto, per avermi dato una vettura ed un’assistenza sempre ad altissimo livello. Grazie ad Xmotors Team, in particolare al presidente Francesco Stefan, ed a tutti i partner che hanno creduto in noi.”

Un successo da condividere anche con la scuderia patavina La Superba, partner determinante in questo finale di stagione, sia per lo sloveno che per gli altri portacolori presenti a Bassano.

Lo attendeva da una vita ma il suo sogno è svanito nella notte della “Rubbio”, a causa di un problema di natura elettronica che lo ha obbligato, dopo un Venerdì sofferto, ad un amaro stop.

Appuntamento con il Bassano quindi rimandato per Vanni Frigato, assieme ad Omar Busatto sulla Peugeot 106 Rallye gruppo A di Autosport 23, in vista di un 2023 per un pronto riscatto.

“Già sulla Rubbio avevamo problemi di elettronica” – racconta Frigato – “ed al mattino, nonostante gli sforzi di tutto il team, non siamo riusciti a rimetterci in strada. Era da tanto tempo che volevo correre a Bassano e finalmente c’ero riuscito. Peccato sia finita già dopo la prima.”

Sontuosa la rimonta che ha visto sugli scudi il rientrante Nicola Roncen, alle note Nadia Rastelli su una Peugeot 106 Rallye gruppo N, sesto di classe N2 ed ai piedi della top ten in gruppo RC5N dopo aver recuperato oltre trenta posizioni in assoluta, dal primo all’ultimo crono.

“Dopo quattro anni lontano dai rally non ho scelto una gara facile” – racconta Roncen – “ma, dopo aver tastato la situazione al Venerdì sera, abbiamo iniziato a crescere di livello. La vettura di Baron non mi ha dato nessun problema ed i ragazzi del team sono stati molto professionali. Spero di essere sulla buona strada e mi auguro di poter fare qualcosa prima di fine anno.”

Articolo precedente“La chiave”, appuntamento a Canale Monterano
Prossimo articoloVala, altre tre prove all’Interlaghi nel golfo di Lecco