Si alza la prima polvere della stazione, in occasione del neonato Rally Valli del Tevere che ha di fatto aperto ufficialmente la stagione 2021 sterrata.

All’appuntamento toscano, corso Domenica, Clacson Motorsport non poteva mancare, timbrando il cartellino di presenza con un tridente, due piloti tra i moderni ed uno storico.

Vittoria solitaria in classe S1600 e secondo di gruppo A per Maurizio Pioner, affiancato da Bruna Ugolini sulla Suzuki Swift Super 1600, balzato in vetta alla classifica di raggruppamento D nel challenge Raceday Rally Terra ed in quello griffato Pirelli, terzo assoluto tra i senior.

“Dopo cinque mesi di inattività” – racconta Pioner – “finalmente siamo risaliti su un’auto da corsa e che auto. La Swift è stata impeccabile così come tutto il team. Siamo partiti in sordina ma siamo poi cresciuti di ritmo. Siamo passati in testa al campionato, nella nostra categoria, ed attendiamo con ansia l’arrivo del Rally della Val d’Orcia, a fine mese, per continuare così.”

Gradito ritorno sulla terra, a due anni di distanza dall’ultima apparizione, per Susanna Mazzetti, affiancata dal prestato Alessio Santini sull’Opel Corsa GSI gruppo A di Clacson Motorsport.

Il terzo di classe A6, seppur lontano dai primi, viene accolto con soddisfazione dalla pratese.

“Grazie ad Alessio” – racconta Mazzetti – “che, dopo Adria, si è rimesso di nuovo al mio fianco per aiutarmi nella guida. Non è un navigatore e so che è una forzatura per lui. Grazie a Diego ed a tutto il team perchè, nonostante fossi sempre tra gli ultimi, mi ha trattato con rispetto. Non è da tutti. Della gara che dire, eravamo lontani dalla terra da due anni ed è stato come ripartire da zero. Invidiavo chi aveva quattro ruote motrici e due braccia un po’ più forti delle mie, soprattutto sulla Cerbaiolo. Ad eccezione di qualche mio timore iniziale, anche finale, ci siamo divertiti. Ale un po’ meno, costretto com’era in quel sedile e negli spazi ristretti della Corsa.”

Debutto stagionale, con epilogo sfortunato, quello che ha visto protagonista Corrado Costa, in coppia con Domenico Mularoni sull’Opel Corsa GSI gruppo A impegnata nella prima edizione del Rally Storico Valle del Tevere, in gara test in vista del ritorno, a tempo pieno, nel Campionato Italiano Rally Terra Storico dove sarà certamente tra i protagonisti assoluti.

Partito con un po’ di ruggine, accumulata dalla pausa invernale, il sammarinese ritrovava il giusto feeling già sul secondo tratto cronometrato, prima di un inaspettato ritiro anticipato.

“Era dallo scorso Settembre che non guidavo” – racconta Costa – “ed avevo un po’ di ruggine da smaltire in effetti. Sulla prima prova abbiamo forzato un po’ troppo e, su un tornante, siamo arrivati lunghi. La vettura si è spenta ed abbiamo perso del tempo. Nella seconda le sensazioni erano già buone, direi molto buone. Purtroppo, per un disguido tecnico, siamo stati costretti a fermarci. Pazienza, per fortuna a fine mese si torna già in abitacolo al Val d’Orcia. Siamo fiduciosi e determinati per questa nuova stagione nel Campionato Italiano Rally Terra Storico.”