Il pilota di Parma punta al bersaglio

È scattato ufficialmente il conto alla rovescia che scandisce le ultime giornate verso l’apertura del sipario sul Campionato Italiano Rally Asfalto 2021, in programma il primo round della massima serie tricolore con il Rally Il Ciocco e Valle del Serchio.

Una delle classiche del rallysmo nazionale, giunta quest’anno a spegnere la sua candelina numero quarantaquattro, è pronta ad accogliere una nutrita pattuglia pronta a sfidarsi lungo lo stivale, su palcoscenici che hanno scritto pagine indelebili della storia dell’automobilismo italico.

L’appuntamento garfagnino infatti farà da capofila ad un calendario stagionale che includerà anche il Rally di Sanremo a metà aprile, il Rally Targa Florio a inizio maggio, il Rally di Roma Capitale a fine luglio, il Rally Mille Miglia a inizio settembre e il Rally Due Valli, a inizio ottobre, quest’ultimo con il compito di decretare vincitori e vinti di quest’annata.

Il prossimo fine settimana, Venerdì 12 e Sabato 13 Marzo, Marcello Razzini sarà della partita, non in veste di partecipazione spot ma con la volontà di essere protagonista di spessore.

“Dal Ciocco inizia il nostro cammino nel Campionato Italiano Rally” – racconta Razzini – “ed abbiamo deciso quest’anno di essere presenti nella massima serie nazionale perchè vogliamo confrontarci con i migliori asfaltisti d’Italia. Sappiamo che qui il livello della sfida sarà altissimo ma questo è un ulteriore stimolo dal quale ricavare la forza per cercare di essere competitivi.”

Rudy Pollet
Non un debutto, quello del pilota di Parma affiancato da Rudy Pollet, avendo già disputato il Ciocco in due occasioni e con l’undicesimo assoluto targato 2019 quale miglior piazzamento.

Il pilota della Skoda Fabia R5, messa a disposizione dal neonato Lion Team ed iscritta per i colori di Collecchio Corse, è desideroso di mettere a frutto gli sviluppi tecnici post Canavese.

“Abbiamo già corso qui due volte” – sottolinea Razzini – “ed il migliore risultato è stato quello del 2019 quando abbiamo concluso con un undicesimo assoluto che è stato penalizzato da una foratura. Abbiamo già avuto una prima presa di contatto la scorsa settimana, alla Ronde del Canavese, dove abbiamo preso le misure a tutto il pacchetto a nostra disposizione. Abbiamo apportato alcune modifiche all’assetto e siamo desiderosi di testarne, al Ciocco, i benefici.”

In virtù delle restrizioni tutt’ora attive il Ciocco 2021 proporrà una novantina di chilometri cronometrati, divisi su tre prove speciali da ripetere per altrettanti passaggi al Sabato e con la tradizionale super speciale spettacolo “Il Ciocco” (1,98 km) ad aprire le danze al Venerdì.

I primi riscontri di questa stagione arriveranno quindi dal trittico composto da “Massa – Sassorosso” (6,90 km), “Careggine” (14,90 km) e “Molazzana” (8,68 km)

“Il Ciocco è molto impegnativo” – conclude Razzini – “ma apprezzo il percorso proprio per la sua difficoltà e per le sue caratteristiche. Il risultato lo vedremo ma l’impegno è al massimo.”