Primi titoli dell’anno per l’atletica. A Pescara, nei Campionati italiani dei 35 km di marcia, conquistano il successo Matteo Giupponi e Federica Curiazzi, entrambi bergamaschi. Dopo aver condotto una gara di testa, il 33enne dei Carabinieri prevale in 2h33:45 nonostante una flessione negli ultimi cinque chilometri. È il quarto tricolore della sua carriera, per tornare alla ribalta e lasciarsi alle spalle la scorsa stagione in cui non è riuscito a indossare la maglia azzurra nell’evento olimpico, mentre era stato ottavo sulla 20 km ai Giochi di Rio. Nel duello per il secondo posto, brillano due giovani: il 21enne cremonese Riccardo Orsoni (Fiamme Gialle) con 2h34:42 si aggiudica il titolo promesse e firma la migliore prestazione italiana under 23 della specialità, da poco introdotta in campo internazionale, che viene sottratta a Giovanni Perricelli (2h36:04 a La Coruna il 5 giugno 1988). Finisce terzo in 2h34:46 un altro atleta di questa fascia di età, Aldo Andrei (Gs Valsugana Trentino), preceduto di pochi secondi. Ai piedi del podio Stefano Chiesa (Carabinieri, 2h36:42) e Teodorico Caporaso (Sef Virtus Emilsider Bologna, 2h37:56), ambedue fermati dai giudici con una sosta forzata di tre minuti e mezzo durante la gara, ritirato invece Francesco Fortunato (Fiamme Gialle) dopo il trentesimo chilometro quando si trovava in quarta posizione.

Al femminile è la prima affermazione a livello assoluto per la 29enne Curiazzi, portacolori dell’Atletica Bergamo 1959 Oriocenter, davanti a tutte in 2h52:24. Più volte azzurra della 20 km, tre anni fa ha ripreso l’attività dopo altrettante stagioni di stop, stimolata dalla nuova avventura su una distanza più lunga e in parallelo al lavoro come insegnante di lettere nella scuola superiore. Piazza d’onore per l’altra bergamasca Nicole Colombi (Carabinieri, 2h54:32), al comando fino a una decina di chilometri dal traguardo prima di essere bloccata in “penalty zone”, quindi terza Sara Vitiello (Self Atl. Montanari & Gruzza Reggio Emilia, 3h00:12). Quarto posto in 3h04:42 di Vittoria Giordani (Us Quercia Trentingrana), classe 2000, che si prende il titolo under 23 e supera la migliore prestazione italiana di categoria (3h11:14 di Beatrice Foresti il 26 gennaio 2020 a Grosseto). Era la seconda edizione della rassegna tricolore sui 35 km, dopo quella inaugurale dell’anno scorso, con indicazioni utili per il team azzurro che sarà in gara ai prossimi Mondiali a squadre di marcia, in programma il 4 e il 5 marzo a Muscat, in Oman.

Articolo precedenteSci, Slalom, bis di Cirrincione, la Campania domina tra i comitati
Prossimo articoloFranco Picco premiato allo stand FMI in chiusura di Motor Bike Expo 2022