Dopo le emozioni per i due ori dell’indimenticabile domenica di Tokyo, nella quarta giornata dell’atletica alle Olimpiadi la protagonista in chiave azzurra è Nadia Battocletti. La 21enne mezzofondista firma un’altra splendida gara, con il settimo posto in finale nei 5000 metri, e cresce ancora correndo in 14:46.29. Quasi dieci secondi di progresso in confronto alla batteria di venerdì (14:55.83) per sfiorare il record italiano di Roberta Brunet (14:44.50 nel 1996) e demolire di nuovo la sua migliore prestazione nazionale under 23. In uno scontro tra fuoriclasse, la volata vincente è dell’olandese Sifan Hassan con 14:36.79 davanti alla keniana Hellen Obiri (14:38.36) e all’etiope Gudaf Tsegay (14:38.87). La giovane trentina è la seconda delle europee al traguardo, come l’altro azzurro Ala Zoghlami che nei 3000 siepi finisce nono in 8:18.50, mentre è quattordicesimo Ahmed Abdelwahed in 8:24.34. Per la prima volta dopo nove edizioni l’oro non è del Kenya, ma approda in Marocco per merito di Soufiane El Bakkali (8:08.90).

Nel disco Daisy Osakue non va oltre il dodicesimo posto con 59,97, dopo il record italiano di 63,66 eguagliato in qualificazione, ed è netto il successo della statunitense Valarie Allman (68,98) con oltre due metri di vantaggio sulle avversarie. Fuori dal podio la croata Sandra Perkovic, bicampionessa olimpica, stavolta quarta con 65,01 preceduta dalla tedesca Kristin Pudenz (66,86) e dalla cubana Yaimé Perez (65,72) in una gara interrotta per un’ora a causa del diluvio. Torna sotto i 45 secondi nei 400 metri Davide Re, autore di un’ottima prova con 44.94, ma non basta per andare in finale perché chiude con il secondo tempo degli esclusi. Eliminate in semifinale le azzurre nei 400 ostacoli, con Yadisleidy Pedroso (quinta in 55.80 sotto la pioggia, a un paio di decimi dal primato stagionale della batteria) meglio di Linda Olivieri (settima con 57.03). Sulla pedana dell’asta non superano la qualificazione Elisa Molinarolo, diciottesima con 4,40 al primo tentativo, e Roberta Bruni che salta 4,25. Nei 200 metri out Gloria Hooper in 23.28 (+0.3) e Dalia Kaddari con 23.41 (+0.1), entrambe ottave nelle rispettive semifinali.