Nei campionati italiani di maratona, a Ravenna, titoli assoluti per René Cunéaz (Cus Pro Patria Milano) e Sarah Giomi (Dribbling), entrambi al primo successo a livello nazionale. Il 31enne valdostano chiude in 2h20:22 e corona il suo inseguimento al tricolore. Dopo aver praticato soprattutto sci di fondo nelle categorie giovanili, si è poi dedicato alla corsa nel tempo libero, fino a correre in 2h15:32 nel 2016 a Francoforte: il “maratoneta d’acciaio” infatti lavora in uno stabilimento siderurgico. Alle sue spalle Joachim Nshimirimana (Atl. Casone Noceto, 2h24:27) superando il 25enne Andrea Astolfi (Cus Pro Patria Milano, 2h24:33).
Tra le donne, la 34enne di Bolzano centra il doppio obiettivo: maglia di campionessa italiana e record personale in 2h40:10, ritoccando il crono di 2h40:22 che aveva realizzato nella scorsa stagione ad Amsterdam. Ex pallavolista, ha iniziato con l’atletica da circa tre anni, mentre nella vita di tutti i giorni è responsabile di una struttura di accoglienza. Tutti e due i nuovi campioni italiani condividono anche l’allenatore, Giorgio Rondelli. Sul podio tricolore salgono quindi la romagnola Martina Facciani (Calcestruzzi Corradini Excelsior Rubiera), vincitrice del titolo nel 2016, stavolta seconda in 2h42:25 e la bergamasca Eliana Patelli (La Recastello Radici Group, 2h45:13).