C’è il campione olimpico del salto in alto Gianmarco Tamberi, alla prima gara in Italia dopo il trionfo di Tokyo. Ma anche un altro oro e in tutto quattro medagliati a cinque cerchi. Tanti big attesi oggi nell’edizione numero 57 del Palio Città della Quercia, il tradizionale meeting di Rovereto, in Trentino, presentato oggi. Al via lo statunitense Michael Cherry, oro con la 4×400, in un cast che annuncia il giamaicano Ronald Levy (bronzo) nei 110 ostacoli e l’australiana Kelsey Lee-Barber (bronzo) nel giavellotto, concorso valido per l’assegnazione di punti di qualificazione per le finali di Diamond League che vedrà impegnate anche la leggenda ceca Barbora Spotakova (2 titoli olimpici e 3 mondiali) e la tedesca campionessa europea Christin Hussong.

Nel meeting più antico d’Italia, tappa Silver del World Athletics Continental Tour, la stella della serata a Rovereto sarà “Gimbo” Tamberi (Fiamme Oro), già in azione mercoledì scorso a Losanna (quinto con 2,24). Stavolta troverà gli statunitensi Darryl Sullivan e Shelby McEwen, l’amico Silvano Chesani (Fiamme Oro) e il bahamense Donald Thomas. Nel peso l’azzurro Zane Weir (Enterprise Sport & Service), quinto ai Giochi e ancora brillante giovedì a Losanna dove è arrivato a 21,20, insieme a Leonardo Fabbri (Aeronautica) per affrontare il serbo Armin Sinancevic, 21,88 di personale, il lussemburghese Bob Bertemes (21,71 in questa stagione), l’egiziano Mostafa Hassan, altro uomo da più di 21 metri.

Nel mezzofondo è da seguire il rientro in pista post-olimpico sui 3000 metri del primatista italiano della distanza Yeman Crippa (7:37.90 quest’anno). Il trentino delle Fiamme Oro sarà tra i “vip” azzurri della serata insieme a Paolo Dal Molin (Fiamme Oro) che nei 110 ostacoli torna sulla pista del record italiano (13.27 agli Assoluti) con Hassane Fofana (Fiamme Oro). La sfida dei 400 con Michael Cherry, quarto a Tokyo, coinvolgerà un altro finalista olimpico come Isaac Makwala (Botswana) e i due primatisti italiani della 4×400 Edoardo Scotti (Carabinieri) e Vladimir Aceti (Fiamme Gialle). Tra le donne occhio alla giamaicana Stephenie-Ann McPherson, a sua volta quarta alle Olimpiadi, e alla statunitense Quanera Hayes, settima in Giappone.

Di elevato spessore agonistico anche gli 800 metri che presentano il campione europeo under 23 Simone Barontini (Fiamme Azzurre), ma saranno alla partenza il keniano Cornelius Tuwei, accreditato di 1:43.76, il britannico Oliver Dustin (1:43.82), l’altro keniano Collins Kipruto (1:43.95) e ancora altri quattro atleti con tempi di poco superiori a 1:44 in questa stagione: Elliot Giles, Bryce Hoppel, Gabriel Tual, Daniel Rowden. Al femminile la semifinalista olimpica Elena Bellò (Fiamme Azzurre) e l’argento continentale under 23 Eloisa Coiro (Fiamme Azzurre). Ma in chiave italiana saranno in pista tra gli altri anche Gloria Hooper (Carabinieri, 100), Elisa Di Lazzaro (Carabinieri, 100hs), Petra Nardelli (Südtirol Team Club, 400), Ottavia Cestonaro (Carabinieri, triplo), Pietro Riva (Fiamme Oro, 3000), Carolina Visca (Fiamme Gialle, giavellotto). E ancora, in ordine sparso, ecco la cubana Liadagmis Povea nel triplo (quinta a Tokyo), il sudafricano Ruswahl Samaai nel lungo, il giamaicano Julian Forte e lo statunitense Marvin Bracy nei 100 metri. Il parterre avrebbe dovuto avere come regina la giamaiacana Shericka Jackson, capace di raccogliere ben tre medaglie a Tokyo (oro nella 4×100, bronzo nei 100 e nella 4×400) ma dopo la prova di Diamond League di Losanna ha deciso di alzare bandiera bianca. La notizia è arrivata a Rovereto pochi istanti prima della presentazione ufficiale e la favorita d’obbligo dei 100 metri sarà presumibilmente la connazionale Natasha Morrison.