Vittorie africane, ma anche risultati interessanti in chiave italiana alla mezza maratona di Padova. Tra le donne si piazza al secondo posto Sofiia Yaremchuk, 27enne dell’Esercito, in 1h11:30 a meno di un minuto dal record personale (1h10:33) e pronta a debuttare nei 42 km alla prossima Venicemarathon. Sul terzo gradino del podio Giovanna Epis, terza con 1h12:37. Per la veneziana dei Carabinieri, che sui 21,097 chilometri ha un primato di 1h11:14, era il ritorno agonistico dopo aver partecipato alla maratona delle Olimpiadi dove è stata 32esima. Nella 21esima edizione della Padova Marathon imperniata sulla “mezza” con partenza da Abano Terme e passaggio a Montegrotto Terme, a dominare la gara in 1h09:06 è l’etiope Rahma Tusa, nota al pubblico italiano per una tripletta di successi alla maratona di Roma.

Ancora più veloce la prova maschile con due atleti al traguardo di Prato della Valle in meno di un’ora. Trionfa il keniano Victor Kipchirchir che firma il notevole crono di 59:19, quinto al mondo nel 2021 migliorando il personale di 59:31, davanti al connazionale David Ngure, 59:47 al debutto. Terzo l’ugandese Andrew Rotich Kwemoi (1h01:10) a precedere il marocchino Mohammed Ziani (1h01:16). Entrambi i vincitori riscrivono il primato della manifestazione. Al quinto posto arriva Daniele Meucci (Esercito) che riparte dal crono di 1h02:40 dopo una corsa condotta praticamente in solitaria, al rientro su questa distanza. L’ingegnere pisano, già campione europeo di maratona, non completava una gara su una distanza così lunga dal personale sfiorato con 2h10:52 alla maratona di Francoforte nell’ottobre del 2019 prima di una serie di problemi fisici.