La stella delle Paralimpiadi di Tokyo Ambra Sabatini centra un nuovo risultato che fa storia. A Jesolo, agli Italian Open, l’oro dei 100 T63 conquista uno straordinario risultato anche nel circuito internazionale World Para Athletics Grand Prix. Con il tempo di 29.87 (vento -0.6) è suo il record mondiale anche nei 200 metri bissando il primato iridato dei 100 ottenuto nella notte magica giapponese del podio tutto azzurro. La velocista 20enne delle Fiamme Gialle celebra il crono più veloce di sempre al mondo frantumando di 1 secondo e 86 centesimi il precedente limite di Martina Caironi nel 2015 a Berlino. È un anno strabiliante per la giovane toscana, affacciatasi all’Atletica paralimpica proprio allo Stadio Armando Picchi di Jesolo dove ha fatto la sua prima gara ufficiale nel 2020. L’esordio stagionale, battezzato con una distanza che non aveva mai corso in precedenza, continua ad alimentare i sogni della giovane atleta e di chi la segue: “L’emozione era tanta. L’obiettivo era di scendere sotto i 30 secondi, ma considerando che era la prima gara, non ci speravo. È stata tirata, ho cercato di riprendere chi era davanti a me (Agnese Spotorno della categoria T20) e ce l’ho fatta. Mi piacerebbe che questa gara fosse inserita come specialità ufficiale alle Paralimpiadi. Ora punto a migliorare nei 100 metri e spero di abbassare anche questo record”.
Alle sue spalle Alina Alexandra Simion (T64, Polha Varese) in 31.41 e il bronzo paralimpico dei 100 metri Monica Contrafatto (T63, Gela Sport) con 33.09. (fonte Cip)

Articolo precedenteCalcio, il Chelsea cambia proprietà
Prossimo articoloPrimo podio stagionale per Matteo Patacca e Renzi Corse a Vallelunga