Il weekend dei Campionati italiani juniores e promesse di Ancona si chiude con tre record italiani individuali, tutti al femminile e tutti tra le under 20. Dopo i primati delle saltatrici Larissa Iapichino (lungo, 6,40) e Veronica Zanon (triplo, 13,65), a impreziosire il fine settimana tricolore è il record della sprinter sarda Dalia Kaddari (Fiamme Oro) nei 200 metri indoor. L’azzurra, già sbarcata in Nazionale assoluta con la staffetta 4×100, corre in 23.85 e migliora di otto centesimi il limite che le apparteneva dalla scorsa stagione (23.93). Brillante anche il debutto 2020 del triplista azzurro Andrea Dallavalle (Fiamme Gialle) che parte dalla buona misura di 16,61. Il pomeriggio finale ha assegnato anche i titoli dei 400 metri: al femminile, testa a testa under 23 con la vittoria di Rebecca Borga (Fiamme Gialle) su Eloisa Coiro (Fiamme Azzurre), entrambe al personale, rispettivamente in 53.91 e 54.14, mentre tra gli uomini U20 conquista il successo Lorenzo Benati (Roma Atl. Acquacetosa) sceso a 47.57. Negli ostacoli detta legge Mattia Montini (Carabinieri) tra le promesse (7.77 nei 60hs), Franck Brice Koua (Cus Pro Patria Milano) è invece imprendibile tra gli ostacoli under 20: maglia tricolore in 7.77 dopo aver corso 7.76 in batteria, diventando il secondo italiano di sempre nella categoria. Simone Barontini (Fiamme Azzurre) non sbaglia sulla pista di casa: a segno negli 800 promesse con 1:51.05. Prova ad aggiungere centimetri Max Mandusic (Trieste Atletica) nell’asta: vince la gara a 5,35 e poi non è da buttare il terzo tentativo a 5,55. Cresce anche lo sprinter Federico Guglielmi (Atl. Biotekna Marcon), al titolo nei 200 juniores con 21.47 dopo il 21.45 della batteria.