Super esordio stagionale all’aperto per Elisabetta Vandi, alla prima uscita con la maglia delle Fiamme Oro. La 19enne pesarese migliora a Grosseto il primato italiano under 20 dei 400 metri che già le apparteneva dalla scorsa stagione. Il progresso è notevole: il 52.82 sfoderato sulla pista dello stadio Zecchini in occasione della gara-test in vista delle World Relays di Yokohama sgretola il record che aveva realizzato nel 2018 ai Mondiali U20 di Tampere (53.24). Nella stagione indoor, l’azzurra ha battuto anche il primato al coperto sulla distanza (53.84). Al secondo posto, a Grosseto, chiude il bronzo europeo indoor della 4×400 Chiara Bazzoni (Esercito) con 53.01, suo miglior tempo dal 2015. Terza Rebecca Borga (Fiamme Gialle) che con 53.31 lima quattro centesimi al personal best. A seguire Virginia Troiani (Cus Pro Patria Milano) in 53.98, l’altra staffettista di bronzo a Glasgow Marta Milani (Esercito) 54.20 e Aurora Casagrande Montesi (Cus Parma) 54.24. La gara era utile per trarre le ultime indicazioni sulla squadra che parteciperà ai Mondiali di staffette (11-12 maggio), evento chiave per la qualificazione ai Mondiali di Doha (27 settembre-6 ottobre).

“È un grandissimo onore ottenere questo record con la mia nuova squadra delle Fiamme Oro – le parole della Vandi, allenata da Faouzi Lahbi e doppia figlia d’arte (papà Luca ex mezzofondista, mamma Valeria Fontan già azzurra dei 400) – Il risultato è inaspettato perché siamo ancora a metà aprile e il clou sarà a luglio-agosto. È un ottimo inizio! Mi sono divertita tanto perché c’era una bellissima atmosfera, i miei amici del raduno giovanile si sono fatti sentire tantissimo, erano in tribuna a fare il tifo e mi hanno fatto un mega-applauso. Sono ancora nel mezzo della preparazione e quest’anno ho anche la maturità: sto studiando più del solito ma le cose vanne bene, sul campo sto riuscendo e a scuola anche. World Relays a Yokohama? Ancora non so nulla, spero di essere convocata: sarebbe una bellissima esperienza. In estate punto agli Europei U20 di Boras, so per certo che ci sarà tanta competizione”.

Anche la prova maschile dà risposte interessanti in ottica Yokohama. Si migliora Alessandro Sibilio (Fiamme Gialle) che vince e scende a 46.50. Chiudono a un soffio Edoardo Scotti (Carabinieri) che inizia con 46.52 e Daniele Corsa (Fiamme Oro) al debutto stagionale con il crono di 46.53. Vicino anche Michele Tricca (Fiamme Gialle) che parte da 46.65, Giuseppe Leonardi (Carabinieri) in 46.74, Vladimir Aceti (Fiamme Gialle) 46.77.

Vento leggermente contrario sul rettilineo di Grosseto per le donne dei 100 metri. Ha la meglio Zaynab Dosso (Fiamme Azzurre) che in 11.86 precede al fotofinish Alessia Pavese (Atl. Brescia 1950 Ispa Group), stesso tempo, questione di millesimi. Terza è Alessia Carpinteri (Cus Catania) in 11.92, quarta Chiara Melon (Atl. Brescia 1950 Ispa Group) con il crono di 11.95.