L’Atletica Frascati torna a tingersi d’azzurro. Tra i 119 atleti nati tra il 2004 e il 2006 convocati dal settore tecnico nazionale per gli stage di “pianificazione” della nuova stagione che si sono tenuti a Formia e Tirrenia c’erano anche due promesse del club tuscolano caro alla famiglia Di Paola. Si tratta di Gloria Kabangu e Ginevra Di Mugno che sono state brillanti protagoniste nel corso di quest’anno solare. La prima è stata impegnata con il settore velocità a Formia fino a ieri, mentre la seconda con il settore mezzofondo a Tirrenia fino a martedì. La fotografia migliore per un anno più che positivo di queste due validissime ragazze: la Kabangu passerà nel 2023 nella categoria Juniores (e sarà al primo anno), mentre la Di Mugno rimarrà ancora Allieva un altro anno. Nella loro personale agenda hanno già messo nel mirino alcuni importanti appuntamenti: su tutti i campionati europei Under 20 (a cui ovviamente potranno partecipare anche gli Allievi qualora centrino i tempi minimi) che si faranno nuovamente a Gerusalemme a inizio agosto. Poi ovviamente ci saranno tutti gli appuntamenti nazionali a cominciare dai campionati italiani in pista. La Kabangu farà qualche test indoor e soprattutto qualche gara di cross per la Di Mugno.
«Queste due ragazze stanno avendo un’evoluzione importante, hanno delle ambizioni e si stanno dedicando all’atletica in modo molto importante, ma al tempo stesso sono due valide studentesse e dunque dedicano la gran parte del tempo della loro giornata a queste attività – sottolinea il tecnico Giorgia Di Paola – Speriamo di riuscire a farle crescere adeguatamente anche all’interno di una situazione logistica a livello di impiantistica che sia adeguata al valore di queste atlete, ci tengo a ribadirlo ogni volta. Ci auguriamo che loro, come altri talentuosi giovani che stanno crescendo nel nostro vivaio, non siano costrette a continuare ad allenarsi su una pista che ormai è logorata e ha assoluto bisogno di un completo restyling”.

 

Articolo precedenteScalzotto si regala il debutto tra i big
Prossimo articoloBassano bestia nera, Meneghetti guarda avanti