Dopo la sbornia di risultati e di vittorie azzurre nei Campionati Europei appena andati in archivio, i riflettori si spostano sul tradizionale Trofeo Giorgio Bravin, la più antica manifestazione giovanile di atletica leggera che si svolge in Italia, organizzata da Asi, che nel 2024 festeggia la 57^ edizione.
La manifestazione quest’anno si svolgerà in una nuova e prestigiosa location, lo Stadio dell’Esercito all’interno del Centro Sportivo Olimpico dell’Esercito alla Cecchignola di Roma, grazie alla disponibilità del CSOE che ha messo a disposizione il suo impianto per lo svolgimento di quella che sarà, come ogni anno, una vera e propria vetrina per i giovani più promettenti d’Italia i quali cercheranno, sulle piste e sulle pedane romane, i minimi per i campionati italiani di categoria.

Come ogni anno il Trofeo Bravin, che riscuote una notevole popolarità e credibilità, per gli alti livelli organizzativi che garantisce, avrà anche quest’anno un’oceanica partecipazione. Alla chiusura delle iscrizioni risultano 784 gli atleti, nelle due categorie, provenienti da club di tutta la penisola. Una fiumana di talenti pronti a demolire record nazionali, della manifestazione e a stabilire il proprio personal best. Da nord a sud saranno dodici le società rappresentate: Friuli Venezia Giulia, Toscana, Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria e Sardegna.

Fra i tanti che indosseranno il pettorale alcuni dei più forti protagonisti delle categorie cadetti ed allevi che, come tanti altri in passato, troveranno proprio nel Trofeo Bravin lo slancio per raggiungere nei prossimi anni traguardi importanti e la maglia azzurra.

Nella categoria cadetti saranno certamente protagonisti Gabriele D’Amico (Atletica Grosseto) che quest’anno ha stabilito il miglior tempo stagionale sui 300 piani; Belsino  Randriamikasa (AICS Hadria Pescara), migliore prestazione dell’anno nel lungo con la misura di 6,58; Simone Esposito (Arca Atletica Aversa), fra i più accreditati nell’alto che quest’anno ha saltato 1,95, seconda migliore prestazione dell’anno; Gianmarco Bellucci (Elite Academy Bari) promettente ostacolista autore di grandi performance nel corso della stagione sia sugli 80 hs che sui 300 hs. La gara del giavellotto vivrà esaltanti momenti grazie alla sfida fra il secondo e terzo d’Italia nella categoria, fra Ivan Davide Muraro (Atl. Villa Gordiani), accreditato della misura di   60,92, e Davide Colucci (Atl. Tor Tre Teste) che vanta un personal best di  59,06.

Nella categoria cadette c’è attesa per la prestazione della pesista Chiara D’Addario (ACSI Italia Atletica), la più accreditata protagonista italiana della specialità; altra atleta dalle enormi potenzialità è Sabrina Romagnoli (Fiamme Gialle) che con il tempo di 11.65 ha il terzo tempo stagione negli 80 hs.; in grande forma è data Kimbery Fortes Brito (Cinecittà Pro Sport) che sulla pedana del Bravin punta a migliorare il suo personale nel salto in alto.

Fra gli allievi brillerà la stella di Vittore Simone Borromini il palermitano tesserato per la Toscana Atletica Jolly, che è accreditato di un eccellente di un 8.10.78 migliore prestazione stagionale dell’anno nei 3000 metri; altro atleta dal quale si attendono misure importanti è il giavellottista Leonardo Di Mugno (Studentesca Rieti) che quest’anno ha scagliato l’attrezzo a 63,63, seconda prestazione dell’anno della categoria.

Non meno qualificato il lotto delle partecipanti nella categoria allieve nella quale spiccano tre atlete della Capanne Pro Loco: La giavellottista Cinzia Burzicchi, che vanta la terza prestazione italiana nel lancio del giavellotto; Caterina Caligiani, una delle migliori interpreti nazionali nei 400 piano; la velocista Linda Uguccioni che quest’anno ha stabilito con 11.97 la quarta prestazione italiana nei 100.

L’edizione 2024 del Trofeo Bravin manderà in scena anche una gara nei 100 mt. paralimpici riservata agli atleti FISPES.

Articolo precedenteFootball, semifinali Ifl, chi vedremo all’Italian bowl?
Prossimo articoloEuropei di atletica Roma 2024, il bilancio